Le videocamere musicali o video recorder mettono in primo piano l’audio. E secondo me deve essere chiaro che questo tipo di videocamere danno “anche” la possibilità di fare un video. In realtà si tratta di registratori audio con una opzione in più rispetto ai registratori vocali di cui ho già parlato. Se non si tiene conto di questo si potrebbe restare fortemente delusi. Un acquisto consapevole, invece, potrebbe farvi scoprire uno strumento utile per i vostri video fatti in casa.

Videocamera per concerti live

In commercio, al momento, ci sono tre (quattro) videocamere musicali. Si tratta della videocamera musicale della Sony HDR-MV1 e due(tre) modelli della Zoom. La Zoom Q4n Registratore Digitale (che è l’evoluzione della Zoom Q4) e la sorella maggiore che è la  Zoom Q8.

Chi mi segue e mi conosce sa che Zoom è la mia marca preferita di registratori vocali portatili.

L’uso delle videocamere musicali è limitato a determinate condizioni. Le videocamere musicali sono, lo ripeto, registratori audio. A certe condizioni e a certe distanze permettono di avere in aggiunta un video. Ma la qualità di questo video che, di per se, è di buona o ottima qualità, potrebbe deludere le aspettative.

Se l’intenzione, dunque, è quella di fare un video musicale si deve pensare a questo tipo di telecamera esclusivamente come telecamera di sostegno ad un’altra telecamera. Non si può pensare che sia la telecamera principale. Né si deve pensare che si possano fare particolari riprese. I vantaggi di una videocamera musicale sono la portabilità dell’oggetto e un audio di alta qualità.

Videocamera per musicisti

Fondamentalmente le videocamere musicali sono utilizzate dai musicisti che hanno la possibilità di posizionare la videocamera in un punto del palco favorevole o su uno strumento senza ingombrare la visuale degli spettatori o senza dover ingombrare con treppiedi il palco. In ogni caso, per avere un risultato decente è necessario mettersi vicino alla telecamera.

Per altri usi, tutto diventa difficile. Soprattutto se pensate alle riprese che fate con i vostri smartphone, anche non molto avanzati, o con altre videocamere portatili. Le videocamere musicali non hanno uno zoom per avvicinare il soggetto, hanno un obiettivo grandangolare, che soffre quando non c’è luce sufficiente. E la visione è quella di un grandangolare, del tipo Go Pro, che alla lunga potrebbe anche stancarvi.

Se acquisti questo tipo di telecamera significa che per te il video non ha una grande importanza. Il video ha solo un significato simbolico di ricordo. Se acquisti questo tipo di prodotto quello che a te importa è l’audio. Infatti, se vuoi fare un bel video devi indirizzarti ad un altro tipo di videocamera. E l’audio registrarlo con altro.

Ma andiamo ad analizzare i singoli pezzi e mettiamoli a confronto.

Videocamera Zoom Q4n

A creare il primo registratore audio video è stata proprio la Zoom. Non parlo della Zoom Q4 Registratore Digitale e passo direttamente alla Zoom Q4n perché per trenta euro in più i miglioramenti sul modello base sono stati notevoli.

Zoom mantiene le sue qualità audio e il suo design con le due capsule microfoniche nella configurazione stereo X/Y, che però possono essere direzionati e diventare un A/B. Il video raggiunge i 60 fotogrammi per secondo a 720pixel o il 30 ftp per 1080p. La Zoom Q4n ha una focale fissa, una lente 2.0, il sensore CMOS e un grandangolo a 160 gradi.

Ma è l’audio il pezzo forte. La Zoom Q4n registra in formato WAV (16/24bit,44.1/48/96kHz) e AAC (64-320kbps, 48kHz) con anche l’ingresso di linea per microfono esterno, uscita cuffie regolabile e uscita mini-HDMI per scaricare le immagini. E cosa non da poco supporta schede SDXC fino a 128GB.

Il registratore audio è uno zoom e a me piace tantissimo il suono che registra. Pieno e profondo. Il video, invece, è scarso.

Videocamera Sony HDR-MV1

Altro stile è quello della Sony HDR-MV1. Attenzione, sembrano tutti dei piccoli giocattolini e quando si hanno in mano sembra davvero eccessivo il costo che hanno.

I mocrofoni della sony sono rivolti verso l’esterno e non sono direzionabili. Il grandangolo arriva a 120 gradi ed ha un qualità notevole con contrasto e riproduzione dei colori non male. Il sensore è un CMOS Exmor R, che fa un buon lavoro ma sempre con riserva. La videocamera musicale Sony sfrutta il wifi per collegamenti al proprio smartphone e poter condividere in breve tempo i video.  I video sono registrati in HD a 1920×1080/30p in formato mp4. Ma i risultati non sono dei migliori.

In teoria, acquistando un adattatore Sony AC-Adapter (AC-UD10), si dovrebbe poter continuare a registrare anche sottocarica. In pratica, senza adattatore, che è una ulteriore spesa, non è possibile. L’audio della Sony è limpido, chiaro, cristallino. Alle mie orecchie risulta poco profondo. Ma è comunque di alta qualità.

 

Zoom Q4N vs Sony HDR- MV1

Premetto che le due videocamere hanno grossi limiti. La Zoom Q4n ha un ottimo suono e un video pessimo. La Sony HDR-MV1 ha un ottimo video e un audio abbastanza buono. Anche se il suono della Zoom Q4n a me piace molto, penso che una videocamera deve fare i video. E che il video sia, almeno, decente. Per cui, secondo il mio modesto parere, tra le due videocamere musicali, la partita del confronto è vinta dalla Sony HDR-MV1.

Zoom Q8

L’evoluzione di Zoom nella Zoom Q8 Registratore Digitale è certamente notevole e di grande valore. Anche l’aumento del costo, a dire il vero. E tante sono le novità.

Dal punto di vista dell’audio è un ottimo registratore. I microfoni integrati sono intercambiabili a seconda dell’uso che si vuole fare. In più è possibile aggiungere fino a due microfoni con entrata XLR (mi pare in mono).

La videocamera musicale Zoom Q8 vince su tutte le videocamere musicali. Vince il confronto con la sorella minore Zoom Q4n, guadagnando sul lato video. E vince anche contro la Sony hdr-mv1 di cui supera sia la qualità video, sia la qualità audio. Il grandangolare è leggermente più ampio rispetto ad entrambe le rivali. Il video è più luminoso. E insomma, si può utilizzare per fare più cose. Mantiene il suono profondo (che piace a me). E il mio parere è che se si vuole acquistare un prodotto di questo genere la Zoom Q8 Registratore Digitale è da preferire, rispetto alle altre.

Videocamere musicali. Videocamera per registrare musica

L’audio di queste videocamere è superiore a tutte le altre videocamere o telecamere della stessa gamma di prezzo e anche superiori. Con una videocamera musicale voi potrete registrare la vostra musica e conservare un video ricordo di un vostro concerto o di una vostra registrazione in studio.

Altre telecamere, anche più economiche, non avranno la stessa qualità audio, ma certamente avranno qualità video molto superiori rispetto alle videocamere musicali.

Infatti, per avere una qualità audio comparabile con le videocamere musicali si deve alzare di tanto la gamma delle videocamere. E nonostante tutto, i più professionali, usano registratori esterni per garantirsi una qualità audio alta. Registratori come Zoom o Tascam sono utilizzati come accessori per le videocamere o per le reflex che, vanno tanto di moda fra i videomakers, ma che hanno un audio pessimo.

Zoom Q2n

Ci sarebbe anche la Zoom Q2n. Ma più che una videocamera musicale io la definirei una webcam musicale. Piccola, comoda, personale. Come consigliano direttamente dallo ZoomLab utile per i Facebook live audio. La posizioni davvero dappertutto e non da fastidio a nessuno. Il prezzo è alto, secondo me, ma risponde al bisogno di piccole nicchie di mercato che spendono tranquillamente queste cifre per i loro bisogni.


Tengo a precisare che questo post non è sponsorizzato e non ho nessun legame con i brand di cui sopra. I link rimandano al mio programma di affiliazione ad Amazon. L’analisi di queste videocamere musicali deriva dall’uso professionale e personale che ne ho fatto nel tempo. Inoltre sono possessore di una GoPro con gli stessi limiti che ho elencato sopra. Inoltre scambio spesso pareri con altri professionisti del settore audio.

Se volete approfondire la vostra conoscenza di registratori vocali potete visitare il post che aggiorno periodicamente.

Sono a disposizione dei miei lettori. Ma prima ti chiedo, almeno di condividere l’articolo. Se sei arrivato fin qui magari l’articolo potrebbe essere utile anche per altri.

Videocamere musicali ultima modifica: 2017-07-21T07:00:28+00:00 da Toni Fontana