Audio experience in terminal

I have long talked about the movie The Terminal

and maybe someone will seem that I had moved away

from the main topic of this blog that is the information architecture in audio contexts.

I hope that this was only a brief impression

because the intention was not so, and I’ll explain.

I took advantage of the movie “The Terminal” with three post

because my field of study and research

I want to focus on “not place” as a space of transformation.

Our perception of sound, physical space (and perhaps especially when we surf into Web), will always be an essential element of our being. The place of waiting and transit, which is the terminal of an airport or the mall or, like so many other places of transition, of alienation, today, have changed their function and functional use which make users . Add to say, to the use original and unpredictable, which make users.
I agree, in fact, fully what is proposed by Luca Rosati.

“Information architecture stands as possible glue between the various contexts of human-information”
What I hope and I wish for my follower is to have tools and points of view and different listening to better interpret what we are experiencing.
I am sure, for example, that the next time you pass by a terminal, you watch and listen space so different, you will have more awareness of yourself, of your transformation from tourist, worker, migrant to traveler/user. Before the security check you will have a purpose that you will reach, only and alone, exceeded the output of the next terminal. Meanwhile, travelers are all equal, everyone must follow the same rules, and no matter the reasons of your flight.

At least that’s what happens, and we live the time of the change. “Soon”, forecasts for 2024, the airport and the terminal will be more. There is already talk of “Aeroville”: the airport will be the place where your holiday begins. To do this you start talking about the introduction of iBeacon that identifies you, they recognize the needs requested by the user and will signal where to meet their own interests.

You understand, therefore, that the theme is central to the information architecture.

But let’s take this opportunity to specifically and tell you my personal sound experience at the airport. While writing the previous post, in fact, I had the need to transit from an Italian Terminal and re-live the experience for a few hours the place and the passenger. Obviously it was not the first time and it was not even the first time in the terminal.
I can guarantee that, in the Terminal, in general, there is very little attention to the sound information. Mediocrity that I feel bad enough as the information that is disseminated to the sound channels are very important information and mainly for emergencies and not for the ordinary.

Ordinary, in fact, a system that addresses quite easily the passenger to his destination: the counter check-in will be well educated on what directions start, the right size of a carry-on and what you can bring in the terminal . The information is clearly visible across the path with signs or videos constructed. If you have followed all the instructions correctly, ticket in your hand, you head to the designated gate and you will board ship.
This ordinary. But the emergency? A change of the gate, in a busy period of the year? A delay due to heavy rains or snowfalls exceptional? The last call of the flight for a family who has checked-in and do not show up at the gate? All this information is given by sound through speakers.
Too bad that in the terminal the technology used is not really up to date, or at least, the audible result is like a buzzer, which if it is new we can reconstruct what it said, but when it is old, it is really incomprehensible. Yet the sound technology, like speakers and microphones, has made great strides to cost more and more content.

I was able to register a notice, I propose you, which I did not understand anything but finding myself in front of the gate. Announcements or warnings of this kind should be avoided and / or definitely improved.
Who has “no thought” to the acoustic structure of the airport, he has not even thought about the sound environment in which the announcement would take place and nobody cares if the information arrives or not.
That is why today the architects think about the context and the context can not be put aside.
Else, perhaps less important, perhaps even secondary. Ground staff, as that of air, I guess it took a course even surface of microphones, since, by international convention, all use a robotic tone. It would have two minutes more to explain that you have to hold the microphone to a “right” distance from the mouth.

In my last flight, then flipping through the papers in the cab, I read that the focus for a better acoustics for the passenger is the center of attention of the airline. Effort that is to be appreciated, but the use of the telephone to give important information on rescue systems is found in many aircraft. Perhaps not the most recent, where an animation clearly explains what to do in an emergency, but in many aircraft the intercom still is king.

It ‘really so difficult? I do not think so. As in much broader contexts and chaotic, as railway stations, or in places much noisier, as the metropolitan city, the sound information arriving in a straightforward manner.

Can you rean in italian Esperienza audio in Terminal

Emotional Geographies and Geographies of listening 3/3

Geographies of listening are the last cahpter. I conclude with this post inspiration that Luca Rosati give me. I want to thank him, about idea of emotional geographies.
Sometimes I ask me if the information architecture is closer at the geography, the human geography, than the architecture. Of course, we need to create links, strings of relationships between different disciplines that focus their study about  Man and his experience. I would like, from these pages, could build relations and new bridges.

I draw the following reflections from the book The City Cosmopolitan, Geographies of listening by Vincenzo Guarrasi published by PalumboEditore from Palermo . I advice to read it.

Before taking up the book you have to wipe out some prejudices about Geography. For Geography it means the discipline that study the Earth, the world understood as system and then discipline that deals with the representation of Man, places inhabited by it, of history, and even the economies.

INTRODUCTION
– The author, Vincenzo Guarrasi, starts from the economic crisis we are going through and that shakes the Culture and Society to discuss the contemporary cosmopolitan city and geographies of listening.

– Intensification of exchanges of data, information and intangibles matches the intensification of human movements. Phenomenon is sketchy, deleted, forgotten or accentuated depending on the political convenience of the moment.

– Prof. Guarrasi focuses on two fundamental institutions of Geography: the man who lives in a place and the space inhabited by man. At the end of these two elements studied by the Geography you find human being without places and places without human being.

EFFECTS OF MIGRATION ON THE SPACE
The phenomenon of migration of peoples is a phenomenon as old as prehistoric times. Phenomenon which, today, european people are witnesses, not always aware; more and more contemporary. Men who for different reasons, often related to the living conditions of extreme places of origin, they move to other places. These humans have, or rather had a place where they were born, grew up and where they lived a period of their lives establishing relationships of various kinds: the place inhabited by Man. This site is lost (in the case of a war destroyed) or abandoned for a place “other,” which is not theirs (in the sense of identity recognition). The condition of “being a migrant” transform this human being in a themself without place.

At the other extreme, there are no places itself, such as deserts, certainly, or how certain areas of our cities. No places is not a place without soul or atmosphere, No places are places that often cross, we know well, where we stop, but we do not live it, except in passing. Indeed, often, they were established precisely to support this move. Feature of these places is that within them there are no relations. It can be a stand or a suburban mall, a train station or an airport terminal. Guarrasi, taking up the definition of the philosopher and essayist German Peter Sloterdijk calls them “places without him.”

NOT PLACE
I knew them as the no-places, as defined by etno antropology Frenchman Marc Augé (which, in recent times, it has revised the definition which I will return. At the moment there is enough place without the definition of human relations) . To see an example of places not refer to the picture of my friend Antonino Carlino who photographed them in his hometown.

PLACES SOUND
The place was founded in the relationship between the man who inhabits the space and the space inhabited by man, to the end of this report if we have no place and no place though, the center is the place, in fact, or better yet, find places, places of contact where they develop interactions.

“These (the interactions) pass through the mediation of the VOICE, as defined by the philosopher J. L. Nancy proposes” a voice “you must understand what it sounds from a human voice without language, which arises from a throat animal or a tool such as it is, even the wind in the trees – which we tend to buzz or pay attention, [(Nancy 2004, 34-35) Guarrasi 2011, 50-56]

“The sound has not hidden faces […] in the case of sound, something of the theoretical framework and intentional set on optics falters. Listen means to enter the spatiality from which, at the same time are penetrated, because it opens up in me as much as around me, and from me as much as to me. And that is such a double quadruple or sextuple opening a “self” can take place. (Nancy, 23).

The human being becomes a place in the interaction between his voice heard and his voice heard, both on the outskirts of a Rom camp, and in the voice of an Indian woman who acts as a domestic worker for a family member or caregiver our Ethiopian our grandmother .

The human being, therefore, the subject is the place of resonance. Guarrasi enlightens us with this phrase

“The landscape is related to the vision, the place is bound to listen.”

The place is, in short, interaction is contact between people, this interaction is not physical but is through the voice (often not included) and therefore only sound.

Guarrasi still remembers what was written by J.L.Nancy:

“Time sound takes place immediately according to a totally other […] This sound is immediately happen in a space-time, is spreading in space or rather opened his own space, the spacing of their resonance, their own expansion of its glare. “

Guarrasi then refers to the relationship between “space – time sound”.

And here I associate myself with what has been written and reported by Luca Rosati and where I find the link between the information architecture and sound contexts. Rosati writes:

– Space and time as dimensions of experience: the web works as a bond between territory (space) and emotional, experiential narrative (time). Which I am reminded of these words Enrico Beltramini: we are approaching a form of capitalism in which the product is immaterial represented by ‘access to the time and the mind […]. In general, the business migrates […] from the sale of goods and services the marketing of entire areas of human experience (Enrico Beltramini).

Rosati “truncate” the phrase talking about space-time . Of course just because outside of his research. And, instead, it would, in the light of the foregoing reasoning, report time – space sound (the narrative even before that written is audible).

Guarrasi still reminiscent of the words of J.L. Nancy:

“In the relationship between space and time sound subjectivity can be made and placed on the” edge of the way. ” Aware that in the sound, the sound source, there is also a reception, a resonance and a listen and then a report creator.

“The place sound, space and place – and take place – as it sounds, is thus not a place where a person would come to be heard, as in a concert hall but a place that on the contrary becomes a subject to the extent that the sound resonates. “

Here Nancy is an outstanding example and exciting comparing this place to the first sound shrill cry of the newborn child. A cry that is in itself and in itself; a cry, that beyond the space in which it is issued, it is the same place, and says: I exist! I am!

“Body and soul of someONE new, singular.”

Guarrasi adds:

“If the figure and idea have similarities between them, sense and sound have in common space of a postponement.”

Voice and dialogue, sound and listening, are the place.

And then, finally, it’s just putting to listening, activating listening and then paying attention to musical contexts, polyphonic, we can fully understand what is happening and represent it to the fullest. Both within a map, both within the web or within ecosystems experienced by human beings.

I am convinced, with humilty, that what has been collected to strengthen even further the claims of Luca Rosati in his post Information architecture and web 3.0 which reads

“Information architecture stands as possible glue between the various contexts of human-information”.

Among these contexts we find that sound context, indissoluble context related to our experience, our physicality, but also incredibly tied to our intimacy, our being whose being is in its being.

Emotional Geographies and Geographies of listening 2/3

The post about emotional geographies of Luca Rosati inspired me more reflectiones and it opened interesting avenues of research useful to this blog. I hope to develop them even professionally.

I remember the first post of this series: Geographies and emotional geographies of listening 1/3

In this “second episode” I add two other considerations they seem me interesting.

Luca Rosati, in his post, indicates the projects that have

“The goal of returning an emotional reading of the city itself”

the project Rome seen by the blind. Write stories in geography, for experiential map of the city.

When I read this title, I immediately remember me a lesson of my teacher prof. Guarrasi that, during his lecture, he gave us the task to draw a map. That is the route map that we each one walked each day to get from home to our University. He asked and advised us to use all our senses, that is not only the visual / decorative, it was the most obvious, but also the sense of smell, if we wanted to, and / or auditory. To illustrate what he meant, he told us of a phone call with a his friend who was blind who, in giving information about the location where they had appointment, the recently specified that, in that area, had been remade the road surface. The asphalt laid in the days before, in fact, produced a different sound than the asphalt used. This evidently produced and produces, in a blind, different feelings and thus different representations with respect to the vision of a single path.

For this reason I take pleasure with the post of Rosati and the bond that I found in the Information architecture and geography it seems more than obvious. Your representations to which way bind? If you were to draw the path you do from your home to work what thing draw? Try drawing your map, I guarantee you will be amazed at yourself for the lack or excessive detail of the map. If you want and if you give me permission, send me your map, I will publish it along with my Blog.

Who wants a hand to understand how you create a map refer to the post “A short guide to map user experience: what they are, what they do, how to do it” by Maria Cristina Lavazza, information architect and user experience design in love with participatory planning and of collaborative methods.

The second point is that, most of what is believed, one resorts to the ball auditory / sound to describe and reconstruct spaces. As stated on the site urbanexperience, to rebuild the city we make use of two instruments: the radio-walkshow and geoblog.

“The radio-walkshow well understood because they represent a response social and cultural inertia of television talk shows, are in fact opportunities for citizen participation rooted in areas which have always known and that, with our walking-nomadic conversations, can rediscover with another look. The radio transmission (with the system whisper used every day by tourists who flock to our city) can create situations surprising involvement, inviting people to talk that they would never dream of speaking in public. It uses technology ordinary in an extraordinary way, by creating situations of radio performance (with the help of smartphones through which to ‘listen’ repertoires sound relevant, with particular ideas and poetic narrative) fueled by the actions of local knowledge and performer. ”

And finally

“The geoblog allows you to display the paths that take place in the city, drawing a map experiential, and at the same time, welcoming comments and sharing on social media and the web platform www.urbanexperience.it”

In the next post I conclude the course (certainly not definitive) about emotional geographies. A path that is just the beginning of new research.

Emotional Geographies and Geographies of listening 1/3

Some weeks ago, Luca Rosati published a short post “Emotional Geographies” that inspired me several reflections that I will explain in this and next post.  It take my attention becouse often I found and rediscovered a bond between architectures and geographies.

Studying information architecture I remember the concepts of Geography that I studied at the university, specially the whole part of the representation of human systems. I’ll write again about Rosati’s post and about Geography also because, during my research, with great surprise I discovered that Prof. Vincenzo Guarrasi, geographer at the University of Palermo, he was my teacher (exam passed with 26/30) has launched a series on the cosmopolitan city that is subtitled “Geographies of listening.”

Returning to the emotional geographies of Luca Rosati, itself inspired by another post Anna Volpicelli Rosati introduced the topic with this brief summary:

“Designing experiences correlating space and time: the economy and the contemporary designs are configured more like a remake of this size – a space-time where the network serves as a connector and enabler.”

Rosati writes: “An emotional map of the city: everywhere emotion, a memory, a color. I often imagined a scenario like this. Something very similar now find myself in some projects.

Mapping emotions in Victorian London is an interactive map of London built by binding to places in the city famous literary passages (the Victorian), with the goal of returning an emotional reading of the city itself. I discovered this initiative thanks to the article by Anna Volpicelli The emotional map (interactive) in London. ”

Refer you to the full on the website of Luca Rosati.

Rosati closes the post with a final movie: the scene Islands chapter of the film “Caro diario” by Nanni Moretti, in which the two protagonists leave the island of Stromboli greeted by the Mayor, a visionary man.

I think, perhaps, unconsciously, recalling emotions, Rosati back at his acoustic memory to reconstruct landscapes, to create links between space and time. It does certainly the Mayor “Moretti” which, in the hope of a rebirth of the island of Stromboli than other islands more attractive, think to ask to Ennio Morricone of writing a soundtrack for the island.

For light, the mayor thinks to Vittorio Storaro, Oscar for fotografy, who takes care of the lighting of Stromboli and its sunsets.

The Mayor speaks of light and sounds, music, as a whole to rebuild something different, again. I would add: to rebuild a different context.

Paraphrasing Rosati “Designing experiences correlating space and sounds: the economy and the contemporary designs are configured more like a remake of this size – a space-time (sound) where the network, through sound, music or sound context, It acts as the enabler and the connector. ”

The Mayor continues “Rebuilding from scratch Stromboli, Italy rebuild from scratch. A new way of life, with a new light, with new clothes, new sounds, a new way of speaking, new colors, new flavors, new everything! Scion Scion! … “

Apple CarPlay and Google Android Auto

Apple CarPlay and Google Android Auto are the new infotainment systems you found in latest generation cars. What once was the radio that he was in a DIN, now it has twice the space (system 2-DIN) and is a small hardware that accompanies the drivers of the new world and on which to install an operating system.

The media companies are no longer just hardware 2DIN Kenwood or Pioneer but it is a market that has expanded dramatically with companies mostly unknown but of great quality. And for them the real war is fought on whether or not to allow the installation of a system iOS or Android.

Both Apple and Google, in fact, since 2014 have launched on this market still completely virgin and is expected to be profitable in business terms and in terms of innovation. The first installations of cars arrived at the beginning of 2015, but as we will see improved margins are still significant.

Apple Car Play and Google Android Auto allow to introduce in the potential of our car smartphone and the simplicity of the interface is designed to minimize distractions and make driving safer.

I state that I am not an Apple user but I hope to be objective enough. For this I read everything I could find on the internet about it and went even further. I add that the limits of the two systems are mostly in excessive restrictions of a system (Apple CarPlay) and excessive openings of the other (Google Android Auto).

But first things first:

Apple CarPlay
CarPlay is the platform dedicated to using apple iPhone and entertainment in the car.

We must immediately say that the Apple was the first to bring into production this system infotantment, although on a Ferrari. And for those who own an iPhone 5 or higher it is ideal to use apps entertainment of their iPhone and have guaranteed the safety driving.

Security, in fact, seems to be the main objective that Apple does not want to, at the time, give up. In fact, as soon as you connect your smartphone to the system, most of the app and many of the features of the iPhone are disabled automatically, so you do not distract drivers from the road.

One of the strengths of CarPlay is the voice interface of the iPhone, that Siri, which through the use of a microphone allows the use of the phone.

Siri, for the uninitiated, is the sound of the mobile interface Apple; He has a female voice and speaks conversational with the Apple user so that the imaginary American Siri is a blonde woman, with less than 30 years. Siri answers many questions, run commands such as reading mail, messages, or better yet, find music on ‘Apple Music. In a short time, when the technology of the car will make them fully autonomous, apparently within five years, you can also ask to be taken home. Siri, in practice, is creating a revolutionary user experience in the world of interaction (interface) man machine.

Siri is an integral part of the program CarPlay because, in full accordance with the guidelines Apple, can not look away from the road and hands on the wheel.

The winning app are mainly those related to music: Deezer, Spotify and TuneIn Radio, for example, listen to music and radio. And there to have fun too: they are only 8 applications available on the dashboard and among these is the ability to listen to audio books.

Another great value, like all Apple products, CarPlay not need any configuration, and so it is easy to use for any user.

CarPlay involves the use of a touch screen monitor, multi-touch and a processor that allows a fluid management in the graphics and in feedback.

Given the requirements for safety and structural policies of Apple improved margins seem to be many. But let’s see them together:

Meanwhile, the obsession with security is severely limiting the production of dedicated applications. As we said many features of the iPhone are disabled. While this policy can be shared, some shortcomings on the other hand are quite relevant and at least one hopes these will be reinforced and improved.

Bluetooth: The CarPlay work when the iPhone is connected to the source via cable (sigh!) Through which to exchange data and recharge.
The maps: on the one hand Siri is very pleasant to listen to maps Apple apparently do not provide the opportunity for Google Maps, less pleasant to listen to but more detailed and with even more news on the services available in the area (those of a motorcyclist) .
Connectivity is fine that the Apps of the company are not covered, any notifications could be dangerous, but it also lacks Whatsapp and is not a time for safety reasons but in favor, of course, iMessage.
Weather: There is an app for the weather. For those who travel or sports car may be useful to know the weather of the place where it is heading.
Consumption data: use CarPlay means using connecting your iPhone and of course the data connection of your mobile phone. The consumption is optimized but not entirely null.
System dependent: for who is part of the world apple is not a problem to have the latest generation device from Apple, CarPlay, in fact, works with iPhone5 or higher but so CarPlay really works, the iPhone must be always on hand. If you forget the phone or if we were to find out, CarPlay not working.
Google Android Car
Quite the opposite policy of Google Android Auto instead poses many limitations or special restrictions and allows the abundant use of third parties.

I say it now, in my opinion, the extreme possibility of freedom on this system could endanger the safety of driving. It seems strange that you are somewhere in between.

With the Google Android Auto, in fact, the limits are the use of Google Lollipop, the mobile version of Google not yet so widespread, and the limits derived from the possibilities offered by manufacturers of hardware, both of 2DIN both smartphone.

Also for Android there are still a few app developers but expect that they can have fun.

With Google Android Auto, where the hardware permits, you can make use of CDs, USB flash drives or hard drives; SD or microSD cards can be used to load maps for navigation or for watching video or images: the planks Android double din audio support .mp3, .wav, .ogg, .wma, .flac well as video. avi, .divX, and .jpeg images.

You interface with Google Now and you can make use of WhatsApp, Skype, Google Play Music, Spotify, and podcast readers, and needless to say, you can control the radio FM / AM and where even the hardware allows, listen to satellite radio .

The phone even if connected to the system will remain free, and if you do not connect to the internet you do not have voluntarily consumption data.

More connectors and sensors will own the hardware and the car, the better chance of connection you can have with their cars: dedicated cameras, control of the engine and tires, consumption and all the on-board diagnostics and whatever else might be of interest to us. In short, so on and so forth.

Daniel Favilla, Founder of the Web Project Car Stereo Center 2DIN Blog, and I thank you for your time, tells me not to get confused between Google Android and Auto operation 2DIN with Android:

“Google Android Auto operation very similar to CarPlay but with the advantage that licensees who have the opportunity to develop Apps are many more. The fund also Music Android Anuto control features similar to the management of an iPod and has a preferential connection with Google Play. Even on Android Auto phone you are locked but notifications are active, which has CarPlay for app not included. On one thing, however, you’re right. Use Android Auto depends on the hardware outside, from your smartphone. While being diffused is linked to Lollipop not all compatible devices are able to start properly. Here comes the Ram and the processor of the phone. In all the tests I did, only systems “truly” top of the line were able to start Android Auto “.
In short, we understand, that even here there is room for improvement.

Bluetooth: for all systems is necessary to connect with the cable, at least here it’s a Micro USB cable.
Speed: the system lacks the fluidity of the system, which compared to Apple CarPlay seems stuck, and proceed in spurts and with some delay.
Support voice: the metallic voice of Google Now, the long run, it could be very annoying.
Bookseller: connecting the phone to listen to music on your smartphone, on the dashboard does not appear but the song titles appear only three buttons: a central play / pause / stop and the other two back and forth. Titles appear when you connect to the Internet or to the music app.
I was about to forget Mirror Link
In this war between the two giants could not and can not miss some production houses of brands that work around the automotive world. To fully understand what the Mirror Link I did still refer to Daniel Favilla, who uses his head and, personally, this instrumentation. It allowed me to get some information from her exhaustive and independent article “Mirror link. What is it and how it works “based on his 2DINBlog.it and why I recommend the reading to examine this technology in all its parts. Daniel writes:

“The Mirror link is formed by a connection technology between a smartphone and a system of Infotaintment compatible.” […]
And from what tells us, the lack of an identity derived from the

implementation of Mirror Link from companies concerned (that) varies from case to case and because of the need for customization, a bit ‘as it happens with the operating system of smartphones compatible with it, Android, and for the presence of specific applications impact on the layout by changing their appearance.
Side audio Mirror Link, basic, appears stronger than its competitors: listening and managing web content audio and radio, space or music app to listen to audio books, it seems to be behind many app already approved.

This technology Favilla believes that there is a lack of general knowledge and concludes:

But I believe that as well as CarPlay, Android Auto, Smart Access, AppRadio Mode and App Link, Mirror Link will be in the future one of the main factors of choice of a system of Infotaintment instead of another, of a car instead of another, or of a telephone in place of an equivalent non-compliant because the use of a smartphone by the driver is more and more pervasive and in the future will be even more synergic!
Below the live tests of all three systems, with three different smartphones

Cars
Speaking instead of the cars that will support the new system designed by Apple, in addition to the very first Ferrari, Mercedes-Benz and Volvo, the platform is or will soon be compatible with the following brands: BMW Group, Ford, General Motors, Honda, Hyundai Motor Company, Jaguar Land Rover, Kia Motors, Mitsubishi Motors, Nissan Motor Company, PSA Peugeot Citroen, Subaru, Suzuki, Toyota Motor Corp.

While other houses autobilistiche are trying to integrate all systems, leaving the user the choice of CarPlay Apple, Google Android or Auto MirrorLink.

Just for the record, as it transcends from this blog, I will mention the ongoing struggle between the automakers offering or not the two / three operating systems as standard and systems themselves that Android is especially pervasive in the car. The issues are very relevant and very important as the issue privacy of motorists, the data exchange between the operating system and electromechanical system, ie the collection of data on consumption and habits of motorists. And little things like this that affect owners of a car. (An article about the POST). And do not forget that Google is working to enter the car market with a car that drives itself.

This only to point out that the behavior of the production companies automakers is still very cautious, and it is for this reason that prefer to bring their systems as standard.

Apple and Google Android Auto CarPlay a flop?
Some magazines, as AUTOMOTO.it highlight the limited distribution systems and argue that it is only half flop.

Research by JD Power named Drive (Driver Vehicle Interactive Experience) has asked 4,200 owners of cars of the latest generation 90-day, and asked them how they rate their relationship with 33 features including the most modern.

as many as 43% said that they never used the voice assistance systems, 38% had never connected to the internet through wi-fi on board, 35% had never used the automatic parking systems, the 33% had never turned on the head-up display and 32% native apps that manufacturers install on infotainment systems.
It seems to me a bit ‘hasty to draw conclusions on a technology yet to be developed. The limits that present are completely overcome. And the use will also depend on the strength of launch that will be given to this technology.

These systems are not yet fully accepted by car manufacturers in their hand the spread of the product. Without their support it is unlikely that the use takeoffs.

AUDIO CONCLUSIONS
The management by voice is one of the strengths of all these systems. And however it ends, the study and development of these systems will bring improvements not only in the automotive field but also on other devices.

Apple is ahead of everyone with Siri, but the interest in artificial intelligence is no longer exclusive to the few companies Futurist. On the contrary!

One thing is certain! The interest is very strong and the view of all virgin. The market for App car could be a market worth billions that could open up in the next five years. And all of these applications will interface with screen readers. Manufacturers of third parties such as Alpine, Kenwood and Pioneer, despite everything, are offering their versions of planks compatible and no one wants to be caught unprepared.

P.S.

IMPORTANT

This post is not sponsored!

Insieme – Cortometraggio 2013 – Venezia70

Insieme, cortometraggio di Annamaria Liguori, presentato alla 70°edizione della Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia racconta la storia di una donna colpita da un tumore.

Lo propongo perché il film mette al centro della vicenda il dialogo: i dialoghi spezzati dalla fretta, le frasi non dette, le omissioni, la voglia e la paura di comunicare e la necessità di raccontare.

“Il film vuole spiegare il valore anche curativo del dialogo durante l’esperienza di malattia. “Insieme”, un cortometraggio liberamente ispirato a una storia vera, raccolta attraverso il sito www.nonausea.it, che racconta frammenti durissimi di vita reale di una giovane donna che convive con il cancro.
Nel film, le relazioni, gli affetti, il dialogo con le persone vicine, a cominciare dalla sorella e dal proprio medico, si riveleranno per la protagonista le risorse decisive per superare i passaggi difficili del percorso di cura.”

Promosso da Salute Donna onlus e SIPO con il supporto non condizionato di MSD Italia, ideato e curato da Pro Format Comunicazione e prodotto da Meltin’Pot, “Insieme” per la regia di Annamaria Liguori, “Insieme” vede come interpreti Euridice Axen, Giorgia Wurth, Nicolas Vaporidis e Monica Scattini. I brani musicali interpretati da Marco Carta, sono stati concessi a titolo gratuito.

“Insieme” è quindi la storia di una battaglia vittoriosa contro il cancro basata sulla scoperta del valore della comunicazione, dell’importanza di vincere le proprie paure e parlare apertamente di come ci si sente per affrontare i momenti più critici del percorso di cura.

“Insieme” è dedicato a tutte le persone che lottano contro il tumore, ai loro familiari, ai medici, a tutto il pubblico: il cammino è arduo, il percorso di cura può essere lungo e pesante, ma oggi la battaglia contro il cancro si può vincere. Insieme.

10 canzoni scritte per Natale

10 canzoni scritte per Natale è il secondo titolo che ho pensato per questo post. Il primo, in realtà, nelle intenzioni, voleva essere “Le 10 canzoni che fanno Natale” ma ho pensato che la tua memoria sonora ti avrebbe sicuramente riproposto una valida playlist di canzoni tra cui sicuramente Jingle Bells , Bianco Natale, Tu scendi dalle stelleAstro del CielHappy Christmas, We Wish You a Merry ChristmasOh Happy Day, etc… posson bastare 7…

Ma quelle che, invece, ho poi scelto e che ti propongo per questa data sono un omaggio a te, lettore, che hai il buon cuore di leggermi anche il giorno di Natale e comunque durante le tue vacanza. Grazie intanto a prescindere! Te ne sono davvero grato!

Di canzoni scritte per Natale ce ne sono una marea: da un lato le canzoni e le musiche per il Natale come festa tradizionale e dall’altro lato come momento commerciale propizio. La caccia al regalo trendy passa anche per la musica

Di seguito troverai una mia personalissima selezione di canzoni natalizie, in base ai miei gusti musicali e al mio pensiero di Natale. Non si tratta di una classifica, né, proprio oggi, voglio dare indicazioni musicali. Mi va di pensare che sia una breve e piacevole playlist che userai in questi giorni, la sera, al caldo, in rilassatezza, in sottofondo, alle tue belle chiacchierate in famiglia o con gli amici più cari. A Natale puoi…

Non mi prolungo ancora, lascio la parola alla musica. Da parte mia i miei auguri migliori per un ottimo e sereno Natale, a tutti!

Le 10 canzoni scritte per Natale

1) Celine Dion – So this is Christmas

2) Mariah Carey – O Holy Night

3) Band Aid 30 – Do they know it’s Christmas?

4) Lady Antebellum – The first Noel

5) Queen – Thanks God It’s Christmas

6) Rihanna – I just don’t feel like Christmas without you

7) Ashley Tisdale – Last Christmas

8) Extreme – More than words

9) Britney Spears – My only wish

10) Per finire, Ariana Grande. Non l’ho scelta perché a me piace, ma in quanto si tratta dell’ultima canzone scritta per Natale: pubblicata appena il 17 dicembre 2015. Per qualcuno una trovata pubblicitaria, per altri un dono ai fans. Bah!

Di canzoni che fanno Natale o scritte per Natale o solo per vendere in un periodo in cui la gente è più propensa a spendere ce ne sono tante (aggiungete le vostre preferite nei commenti, se volete). Aggiungo, per così dire, un BONUS, una canzone non proprio scritta per Natale ma molto spirituale.

Buon Natale!

Lo snooze: una curiosità

Snooze in inglese significa letteralmente sonnellino o sonnecchiare. In senso più largo è qualcosa che da fastidio. In pratica è la funzione di posposizione dell’allarme. Lo snooze dopo la prima sveglia ricomincia a suonare ogni 5 o 10 minuti; e così via fino allo spegnimento da parte dell’utente che decide di alzarsi e porre fine al tormento.

Un ricordo

Durante i miei anni universitari ho conosciuto un tizio che puntava la sua sveglia alle 7.30 del mattino e andava avanti, ogni 10 minuti, a silenziare il proprio snooze, fino a mezzogiorno. A quell’ ora si alzava definitivamente. Non ho mai capito perché lo facesse. Oggi penso che forse ammazzava i suoi sensi di colpa torturandosi ogni mattina. Chissà.

Ad ogni modo, scusate la digressione, in questo post vi voglio parlare di una curiosità riguardante lo snooze. Curiosità che forse non sapete perché non ve lo siete mai chiesto.

Perché non posso regolare lo snooze?

La curiosità sta nella risposta ad una di quelle domande improbabili che a pochi viene in mente di fare: perché lo snooze in alcuni dispositivi suona dopo 9 minuti e in altri dopo 10 o multipli di 5? Perché non poter decidere quanto altro tempo poter dormire o tormentarsi?

A chiederselo siamo in tanti. E trovare una risposta non è facile. Ma la risposta c’è! A quanto pare, la regola è da attribuire ai primi orologi analogici che hanno fatto uso di questa opzione.

Dall’analogico …

Se si va a vedere com’è fatto un orologio meccanico, ci si rende conto che il calcolo dell’ora è dato dall’insieme di ingranaggi che fanno muovere le lancette ad una determinata velocità. Senza che fosse scritto da nessuna parte, quando fu introdotto la funzionalità dello snooze nei primi orologi meccanici, la misura della rotella che andava a ri-azionare l’allarme andava a corrispondere al tempo di 9/10 minuti. Quello era lo spazio disponibile e quello usarono gli orologiai.

La modifica dell’ingranaggio necessita la modifica dell’intero orologio.

… Al digitale

I primi dispositivi digitali ad utilizzare tale tecnologia e traslarono dall’analogico al digitale la funzione, furono i prodotti Apple. Senza alcuna ragione apparente, o forse senza chiederselo, o forse, ancora, pensando che i 9 minuti fossero un minutaggio corretto per dar abbastanza fastidio e svegliarsi, hanno riprodotto su telefonini e smartphone questo schema. Dico senza ragione, perché nel digitale non sono presenti rotelline e ingranaggi. La decisione di un arco di tempo non è costretta appunto dall’arco della rotellina. Sarebbe molto facile fare decidere all’utente la regolazione dello snooze. Magari obbligando ad un minimo. D’altronde non sarebbe così diverso dal decidere l’ora della sveglia.

I dispositivi Android, forse per distinguersi da Apple, hanno, applicato al loro sistema lo standard dei 10 minuti. E poi si ha la possibilità di scegliere solo tra multipli di 5 minuti.

Cambiare tempo di snooze sveglia iPhone

Se qualcuno volesse cambiare lo snooze iPhone in modo autonomo e personale, a seconda del proprio ritmo biologico, non può farlo. O meglio, dovrà scaricare applicazioni apposite per incrementare questa funzione.

Nei vostri iPhone non è possibile modificare lo snooze o cambiare il ritardo della sveglia. Se volete controllare e personalizzare lo snooze è necessario scaricare applicazioni aggiuntive che trovate nel negozio iTunes.

Personalmente non possiedo un iPhone per cui non saprei consigliarvi per esperienza diretta. Su internet ho visto che in tanti usano l’app Alarm Clock Pro oppure Sleep Cycle Alarm Clock. Quest’ultima applicazione utilizza i sensori per monitorare i cicli di sonno e impostare una sveglia adeguata al vostro sonno.

Applicazioni per modificare snooze su iPhone

Modificare la ripetizione della sveglia su iPhone non è possibile. Ma appunto, c’è una applicazione per tutto. Eccone alcune consigliate dall’Itunes store.

Alarm Clock Free by iHandy Inc. – Link iTunes Store dove scaricare app

Wakeapp! by Lemondo Entertainment – Link iTunes Store dove scaricare app

Custom Alarm Clock for iPhone by Hunka Web Solutions – Link iTunes Store dove scaricare app

LED Machines by AriadneWare – Link iTunes Store dove scaricare app

Ripeto non ho mai utilizzato un iPhone né tali applicazioni per cui non ho nessun commento da fare.

Conclusioni e domande sullo snooze

Eppure la domanda mi resta. Perché la personalizzazione non potrebbe essere una funzione di serie? Perché mi devo scaricare un’ulteriore applicazione per fare qualcosa che nel digitale sarebbe semplice da fare?

Se vi è venuta un po’ di curiosità  andate a guardare anche voi sul vostro dispositivo. Verificate se potete decidere o meno la tempistica del vostro snooze. Magari qualche pezzo grosso legge questo articolo e decidere di aggiornare lo snooze.

Se non me ne accorgo e non mi ricordo di aggiornare, scrivetelo nei commenti. Mi farà piacere! E farà piacere anche ai lettori del blog!

P.s.

Nei giorni di festa, se avete la fortuna di fare ferie, ricordatevi di disattivare tutte le sveglie! Buone feste!

Active Noise Control – l’esperienza sonora in auto

L’ Active Noise Control è una tecnologia in uso nel mondo del sonoro da diverso tempo. L’idea in sé è abbastanza vecchia, del 1934, con le prime applicazioni negli anni ’50 e poi per silenziare i rumori esterni alle cuffie nel 1986. La novità semmai sta nella sua applicazione all’interno delle auto.

Come abbiamo già visto nei post precedenti un’automobile ha suoni propri analizzati dalle case madri .

Riprendo quanto detto da Tim Maly qualche anno fa:

Ci può essere stato un tempo in cui i rumori di un auto erano semplicemente una conseguenza della sua funzione meccanica, ma quel tempo è passato da tanto. Come ogni altra componente della vettura odierna, l’esperienza audio è stata attentamente progettata e ottimizzato.
Non basta che l’auto funzioni perfettamente, ma è necessario si senta quanto l’auto sta funzionando bene. Il suono è parte dell’esperienza dell’utente, ed è anche una parte fondamentale dell’interfaccia utente.

Ed è proprio di questo che vi voglio parlare.

L’Active Noise Control in auto

Da alcuni anni si fa già uso della tecnologia Active Noise Control per la riduzione attiva del rumore all’interno dell’abitacolo ma solo per macchine top di gamma.

Cristiano Ghidotti, che ne parla nel suo articolo “Esperienza sonora in auto: il valore del silenzio”, scrive:

Active Noise Control mira ad incrementare il comfort e la sicurezza a bordo: si tratta di un modo originale di affrontare il problema, ponendo l’obiettivo di un miglioramento sostanziale dell’esperienza di guida e di viaggio.

Da Wikipedia capiamo il funzionamento

Il suono è un’onda che consiste in una fase di compressione e di una fase di rarefazione. Un altoparlante con tecnologia noise-cancellation emette due onde sonore: il suono che si vuole trasmettere e una seconda onda con la stessa ampiezza e con fase opposta rispetto al suono esterno che si vuole cancellare. Questa seconda onda e il rumore esterno si combinano (tramite un processo chiamato interferenza) e si cancellano.

In pratica tre microfoni percepiscono i rumori prodotti dall’auto nei punti più rumorosi: motore, trasmissione e attrito dell’aria. Le casse dell’auto produrranno delle onde analoghe che andranno ad interferire con le onde sonore dei rumori e le annulleranno, producendo, appunto, il silenzio.

Questa tecnologia è sta già usata anche in cuffie di alta qualità come vediamo spiegato in questo video di qualche anno fa.

Il rumore è un elemento intrusivo che riduce la capacità di concentrazione del guidatore e altera le funzioni di analisi del cervello, incrementando i livelli di distrazione e di stress.

https://youtu.be/T4Lv0RaKImw

Ma perché la necessità del silenzio in una macchina? Sulle lunghe percorrenze il rumore è sempre stato un grosso problema ma oggi inizia a subentrare anche un nuovo concetto di auto che sarà un luogo dove si svolgeranno anche altre attività, che non sia il guidare.

La macchina del futuro secondo Volvo

Come vi ho potuto già proporre nel post Apple CarPlay e Google Android Auto le possibilità di espansione sono ancora numerose.

Anzi! Se guardiamo le notizie che ci arrivano da questo mondo l’interazione e la connessione con il veicolo saranno destinati ad essere sempre più pervasive. Ad ottobre 2015 Toyota presentava il prototipo dell’auto a guida autonoma che sarà pronta e in produzione per il 2020.

Sempre Toyota, a brevissimo, a gennaio 2016, aprirà una nuova società, la Toyota Research Institute Inc, con base a Palo Alto, nella Silicon Valley, vicino all’Università di Stanford, che si occuperà di intelligenza artificiale. L’investimento per i primi cinque anni di attività è di un miliardo di dollari.

L’iniziativa sarà guidata da Gill Pratt, già program manager presso DARPA e responsabile dell’evento Robotics Challenge, e avrà come obiettivo principale – nell’immediato – lo sviluppo di algoritmi informatici, tecnologie per l’interazione uomo-macchina e robotica per la riduzione degli incidenti automobilistici sulle autostrade e non.

E siamo solo all’inizio!

Avan Trad: recensione

Avan Trad è il secondo album dei Folk Fiction, il duo musicale veneto composto da Alessandro Marchetti e Matteo Marcon che, dopo il primo album “Yeppa!”, per realizzare questo album si sono attenuti al detto “Assaggia il nuovo ed il vecchio, ed attieniti al migliore”

Un album da ascoltare, da ballare e da sentire.

Avantrad si può ascoltare seduti ad una poltrona e sorseggiando una tazza di tè profumata, proprio per il piacere di ascoltare buona musica; oppure si può ascoltare in sottofondo, parlando e sorseggiando vino, in una bella serata tra amici.

Avantrad si può ballare, immersi in una sala, in un pub o in una piazza (perché no?). Ciascun brano è una danza folk popolare. E si sente che i due musicisti dei Folk Fiction ballano anche loro, ballano con il corpo e con le note. Ritmo, tempo e passi di danza sono scanditi, chi balla non può sbagliare. E non è merito da poco!

Avantrad si può sentire: si sente che c’è la voglia di ballare e il desiderio di far ballare. Non si tratta, infatti, di pura esecuzione di brani musicali bensì di interpretazioni nuove. Strumenti tradizionali come il bouzouki di Matteo, il pianoforte o l’organetto diatonico personale di Alessandro sono solo il mezzo per trasmettere buona musica, sonorità e passione.

E questo progetto trasuda di passione: è progetto sensoriale che va al di là delle note e della musica stessa.

AvanTrad -Ginkgo Mazurka

Ritmi antichi sono il pretesto per innovare, per fare quel passaggio dal Neo Trad all’Avan Trad. 11 brani, con tempi tradizionali, scottish, boureée, mazurka, valzer. Tutti i doverosi rimandi alla musica folk servono per far ascoltare, alla fin fine, tanta musica contemporanea. Non mancano la ricerca musicale, la scuola dell’improvvisazione, le numerose influenze che arrivano dal jazz, dalla musica irlandese, ma anche dal folk francese, bretone ed una certa brezza arriva dalla musica celtica.

“Nulla è più nuovo di quello che fu a lungo dimenticato.”

Alessandro Marchetti e Matteo Marcon, infatti, più che la tradizione seguono la traduzione. Traduzione di quello che ascoltano in una lingua musicale arcaica che poi tramandano e trasmettono in un’altra lingua che suonano, più con il cuore che con le mani.

Se si dovesse descrivere Avantrad con una metafora non si potrebbe sbagliare. Avan Trad è una danza. Ciascun brano ha un ritmo severo, rigoroso e fermo come se le note seguissero un binario obbligato. Ma ha la leggerezza del piccolo passo di danza proprio dei balli popolari.

Non c’è spazio per mostrare virtuosismi o per inutili barocchismi, bastano le note, quelle giuste. E poi c’è tutta la generosità di voler seguire il flusso della danza. Tra i Folk Fiction, la Musica, chi ascolta e i ballerini si crea una relazione di fiducia che poche musiche instaurano. Basta farsi travolgere dalla musica, dalla gioia che si sprigiona e che scaturisce nella leggerezza.

La Musica è sempre avanti nel tempo

E, infine, il numeroso gruppo di musicisti di spessore che ha collaborato alla realizzazione di questo nuovo album mostra che la Musica è sempre avanti nel tempo. Sempre avanti nella tradizione, AvanTrad appunto. Condivisione e relazione sono i due pilastri intorno al quale si muovono la Musica e i Folk Fiction.

Che l’avventura di musica e di vita, così come la chiamano Alessandro e Matteo, continui nel tempo e trovi approdo sicuro nell’ascolto e la giusta meta desiderata in più ampi riconoscimenti.

Bohemian Rhapsody Cover show in car

Bohemian Rhapsody cantata e musicata all’interno di un auto è uno dei video da cui ho tratto in parte ispirazione per il prossimo post, in cui parlerò dell’esperienza sonora in auto.

L’abitacolo dell’auto si trasforma facilmente in contesto sonoro. Molti gruppi di amici che amano la musica lo rendono un ottimo palcoscenico dove esibirsi.

Sono tante le cover cantate dentro un automobile e che si possono ascoltare navigando su youtube. Prendo ad esempio le cover di Bohemian Rhapsody per segnalarvi un ottimo articolo pubblicato in occasione dei 40 anni della pubblicazione della canzone Bohemian Rhapsody scritta da Freddy Mercury:

Bohemian Rhapsody, il mistero dei Queen. Un labirinto rock lungo quarant’anni

Testo e melodia Freddie Mercury li scrisse da solo, prendendo appunti su pezzi di carta e elenchi telefonici. Il brano fu pubblicato il 31 ottobre 1975, il significato resta un puzzle senza soluzione. Guerra, chiesa, eresia, confessioni, omosessualità, satana, peccato originale. Brian May: “Non credo lo sapremo mai, ma anche potendo non lo direi”

Da Repubblica del 29 ottobre 2015 – Katia Ricciardi

Di seguito anche una seconda cover. Sta volta sono 4 musicisti che stretti stretti riescono a suonare all’interno di una vecchia Golf, a quanto pare anche abbandonata in mezzo al bosco. Abbastanza divertente. 🙂

Un’analisi sonora del Format comunicativo dello Stato Islamico ISIS

Isis, Stato Islamico, comunicazione sonora, marketing, reclutamento, un mix esplosivo che è difficile da comprendere. Sebbene, periodicamente, nei giornali e nei telegiornali si fa un gran parlare di Isis o di Stato Islamico, di terrorismo e di attentati, in pochi sanno cosa sia davvero l’ISIS e quali sono le sue origini. E neppure si è in tanti a volerlo saperlo. In questa pagina voglio sottolineare la potenza comunicativa dell’ISIS. In primo piano l’analisi sonora del format comunicativo. In fondo alla pagina alcuni elementi con cui io stesso mi sono documentato per capire il fenomeno e avere la serenità di parlarne. Questa pagina è il mio contributo, come nello spirito di tutto il blog, a creare consapevolezza su ciò che ci circonda. E l’aspirazione di rendere un servizio completo ai lettori di questo blog.

Dall’immaginario visivo…

L’analisi sonora dell’ISIS è doverosa per questo blog in quanto lo Stato Islamico (ISIS o IS) oltre ad essere uno Stato, una organizzazione, o altro, è anche un Format comunicativo. Nel documentario trasmesso da Piazza Pulita Crack : Nascita del format ISIS vengono analizzati i video prodotti dall’ISIS. Il documentario mette in luce l’immaginario visivo da cui sono tratti quei video. Ossia evidenzia il fatto che l’immaginario visivo è tratto dall’immaginario visivo occidentale.  Nello specifico i video prendono spunto dagli spot di arruolamento dell’esercito americano o dai videogiochi cosiddetti “Sparatutto”. Questo immaginario visivo è ripreso e utilizzato dalle case di produzione video dello Stato Islamico per crearne uno nuovo più terrificante e impressionante.

… all’immaginario sonoro

Nel documentario di Piazza Pulita non viene fatta nessuna analisi sull’immaginario sonoro . Per questo motivo ho preso in considerazione alcuni video ed ho posto la mia attenzione alle colonne sonore utilizzate. A livello sonoro, credo che il discorso sia un po’ più profondo rispetto a quello visivo. L’immaginario sonoro di questi video è tutto orientale ed è proprio nel messaggio che si rinnova. Vi consiglio. innanzitutto, di ascoltare la musica di uno di questi video in un articolo di ADNKronos che vi linko. Ho scelto di non ospitare su queste pagine questo tipo di video. Nelle colonne sonore utilizzate c’è un elemento di base talmente ovvio che passa inosservato a livello conscio: la ripetitività del ritmo. La ripetitività del ritmo e del suono porta con se tre considerazioni:

  • Il canto è simile ad una canzone rap: nonostante la melodia sia riconoscibile come arabeggiamte, è costruita ed eseguita come fosse una canzone rap.
  • E’ una melodia orecchiabile: nel momento in cui le frasi musicali si ripetono due, tre, quattro volte, il cervello comincia a riconoscerne la familiarità e l’ascolto diventa piacevole.
  • E’ una melodia facile da memorizzare: anche se non si comprendono le parole, che inneggiano alla violenza e all’odio, il ritmo è facilmente ripetibile.

Insomma, vuoi o non vuoi, sia che capisci o non capisci le parole, questa cantilena ti entra nella mente.

La colonna sonora dell’ISIS: i Nasheed

Alex Marshall è un giornalista del Guardian e si occupa di musica e politica da diversi anni e dal suo articolo che potete leggere integralmente in inglese, vi ripropongo i punti che mi sono sembrati più interessanti.

  • Le canzoni usate dall’ISIS sono tutte cantate “a cappella”. Esse sono prive di strumenti musicali. Nello Stato Islamico, infatti, gli strumenti musicali sono considerati illegali. Gli strumenti musicali avvicinerebbero il canto ad una concezione occidentale della musica. E per questo sono fuorilegge.
    • AGGIORNAMENTO 22 febbraio 2016 – Persino ascoltare la musica occidentale è reato, tanto che un ragazzo di 15 anni è stato decapitato in pubblico. Fonte il Messaggero.
  • I canti usati dall’ISIS sono chiamati nasheed. Si tratta di componimenti musicali nati negli anni ’70 prodotti e ascoltati dai fondamentalisti islamici durante le battaglie che si svolgevano in quegli anni in Egitto, Siria, Libano, Afghanistan e Cecenia.

Se vi capitasse di vedere e ascoltare un video diffuso dall’ISIS la colonna sonora è sicuramente un nasheed.

Come sono utilizzati i nasheed

I nasheed hanno finalità diverse: sono colonna sonora dei video di propaganda. sono usati come mezzo di incitamento alla battaglia. sono usati per l’arrualamento dei foreign fighter.

Costruzione dei Nasheed

Alex Marshall scrive:

Queste canzoni sono vitali per l’organizzazione. Esse forniscono la colonna sonora a tutti i video dello Stato islamico; vengono diffuse da automobili nelle città che controllano, un po’ come le gang degli Stati Uniti che usano delimitare il loro territorio diffondendo canzoni rap; queste musiche sono anche suonate sul campo di battaglia. Il gruppo, poi, pare che produca canzoni su una serie infinita di argomenti.

L’ISIS usa la tecnologia e ne fa un uso massiccio.

  • Diversi brani sono costruiti come mix di più tracce vocali. Non mancano gli inni in cui la voce è lavorata con software di ritocco musicale come AutoTune. Si tratta di una applicazione che campiona la voce ed è molto usata da cantanti pop e rap internazionali. L’uso di questa tecnologia “occidentale” è giustificato dal fatto che i gruppi che ne fanno uso operano al di fuori delle linee guida religiose sebbene ad esse fanno chiaro riferimento.

Da LA STAMPA

Tra i nasheed più conosciuti c’è Dawlat al-Islam Qamat che sta diventando una sorta di inno non ufficiale dello Stato Islamico. Raccoglie ben 220.000 visualizzazioni su YouTube. Secondo Benham Said autore di Hymns: a contribution to the study of the jihadist culture questo canto va oltre il solito messaggio religioso, facendo riferimento direttamente all’alba che arriva, alla “vittoria imminente” e alla “jihad dei devoti”. Reso più solenne dai colpi dei mitra di sottofondo o dai passi dei soldati che marciano.

Canzone ISIS tra tradizione e futuro

Insomma, pare che le case di produzione musicali dell’ISIS usino i nasheed raccogliendo la struttura musicale più tradizionale ma che li abbiano rivoluzionati nel messaggio. Le prime canzoni nasheed, infatti, nascevano per esprimere messaggi di resistenza e di difesa. I gruppi militari che le cantavano erano molto piccoli e molto spesso clandestini. I messaggi usati dai nuovi nasheed, invece, sono messaggi tutt’altro che difensivi. Unico limite a questa “moda” l’avversione da parte dei capi dello Stato Islamico verso gli inni che sono una tradizione musicale occidentale. L’artista egiziano Mustafa Said, direttore della Fondazione per la Documentazione e Ricerca della Musica Araba in Libano, conferma che

nonostante queste canzoni intendano sottolineare le tradizioni del Medio Oriente “si tratta di una musica più vicina a Lady Gaga che ai classici arabi per la sua semplicità”. Per adesso però non ci sono artisti conosciuti: gli interpreti sono militanti con buona voce e buoni strumenti informatici.

Format IS tra marketing e proselitismo

Da aprile 2014, la Ajnad Media Foundation, che produce queste musiche, ha provveduto a sottotitolare le musiche, non solo in inglese come ha sempre fatto, ma anche in lingua italiana. Il primo in Italia ad occuparsi del tema è stato Bruno Ballardini, che con il suo libro pubblicato a maggio 2015 dal titolo “ISIS. Il marketing dell’apocalisse” dedica un capitolo alle produzioni musicali. Il libro parla di marketing e di strategia. Presenta l’”ISIS” e l’”Occidente” come due prodotti estremi del marketing dell’apocalisse. Per quanto riguarda la musica Ballardini mette in risalto come la musica riesca a fare proselitismo anche tra i non fedeli, musicisti occidentali che creano altri proseliti.

Scrive Ballardini: quello che è più interessante notare è come dalla musica abbiano finito per fornire anche volontari per il jihad.

Conclusione: uno strumento in più

Non serve certo questa pagina e le mie parole ad evidenziare la forte capacità comunicativa dell’ISIS. Ma ancora una volta è necessario sottolinearla. Tanto più che sono in atto nuove strategie di comunicazione. Lo Stato islamico, infatti, ha preparato durante il 2016 un piano della comunicazione descritto in un nuovo rapporto sulla nuova strategia di comunicazione dell’Isis pubblicato dal King’s College di Londra. Questo permetterà all’IS di continuare ad esistere anche dopo aver perso il controllo fisico sul territorio.

è già in atto una strategia di sopravvivenza che mira a preservare una versione virtuale del regno, una volta perso il controllo del Califfato in Iraq e Siria.

Insomma, con il mio blog voglio far notare come l’attenzione comunicativa dei prodotti ISIS sia rivolta a tutti i particolari. Si tratta di uno strumento in più per la comprensione della realtà che ci circonda.

Cos’è l’ISIS

l’ISIS, spiegato bene

di Elena Zacchetti – @elenazacchetti

Una guida per chi vuole capire una volta per tutte chi sono i miliziani che stanno conquistando l’Iraq.

Sciiti e Sunniti

Comunicazione ISIS

Come ogni organizzazione, l’ISIS o Stato Islamico, usa la comunicazione per teorizzare e divulgare il proprio pensiero. Studiarlo significa capire e scoprire quali sono gli strumenti utilizzati.

Dal blog di Giovanna Cosenza, professore ordinario presso il Dipartimento di Filosofia e Comunicazione dell’Università di Bologna:

La comunicazione dello Stato Islamico (IS): un’analisi semiotica

Per capire ciò che oggi accade nel mondo in nome dell’IS Stato Islamico (come dal 2014 si fa chiamare ciò che molti preferiscono ancora identificare come ISIS), è necessario approfondire non solo la sua storia e la sua ideologia, ma soprattutto la sue strategie mediatiche.

In questa prospettiva di approfondimento, ho cominciato ad assegnare alcune tesi di laurea. Pubblico qui quella di Alessandra Maria Stella Milani, discussa il 7 marzo scorso e molto ben fatta.

A questo link  si può leggere la tesi.

Franco Iacch, su il Giornale.it parla di una strategia linguistica dell’Isis. E di come uno studio della semantica, dele parole che attivano i martiri, la ridondanza di alcuni termini utilizzati dall’Isis, potrebbe essere studiate per creare un modello previsionale affidabile per la sicurezza.

Marcello Mari, su Che Futuro! scrive sulla narrativa della guerra. O meglio La guerra della narrativa e perché è così efficace la comunicazione mediatica dell’ISIS.

Michele Di Salvo parla di comunicazione globale del terrore.

Paolo Carelli, del CeRTA (Centro di Ricerca sulla Televisione e gli Audiovisivi), dell’Università Cattolica di Milano, offre una sintetica mappa dei canali comunicativi utilizzati dallo Stato islamico.

L’Isis utilizza alcune tecniche psicologiche per reclutare. Sul Fatto quotidiano Marco Venturini spiega come avviene il reclutamento dei kamikaze.

Sul The Post International, Alessandro Albanese Ginammi, risponde a dieci domande per analizzare e capire che cos’è lo Stato Islamico: il nome dell’organizzazione, chi è il capo, chi sono i combattenti, dove prende i soldi, qual è la sua strategia, i video delle decapitazioni, cosa rappresenta la bandiera, qual è il suo obiettivo, chi c’è dietro e come combatterlo.

Ma se da un lato l’ISIS ha tanta voglia di comunicare e di reclutare. Nello stesso tempo non ha tanta voglia di farsi scoprire. Il Post racconta come una delle tecniche più ovvie è quella di non comunicare.

Documenti

Twitter e Jihad: la comunicazione dell’isis. A cura di Monica Maggioni e Paolo Magri.

Il dott. Tommaso Venturi, laureatosi alla LUISS, ha presentato una tesi sulle strategie comunicative dell’ISIS.

6 TED Talks su ascolto e progettazione

Il TED Talk (Technology Entertainment Design) è una conferenza che si tiene ogni anno a Vancouver, Columbia Britannica e ormai in quasi tutto il mondo grazie ai TEDx, conferenze locali e indipendenti che si occupano di temi locali con speakers legati al territorio. La missione del TED è riassunta nella formula “ideas worth spreading” (idee che val la pena diffondere).

Dall’Ascolto alla progettazione

Il percorso del senso: persone, contesti, significati

6 TED Talks dedicati all’ascolto che possono aiutare, attraverso un buon ascolto, ciascun designer a migliorare il percorso della progettazione.

Non a caso, “Dall’ascolto alla Progettazione” è stato il titolo del IX Summit dell’architettura dell’informazione italiana 2015 organizzato da Architecta e gli interventi hanno ruotato intorno al tema dell’ascolto.

Oggi qui trovate i migliori TED Talks sul tema dell’ascolto che ho selezionato e scelto per voi!

6 TED Talks che ogni designer dovrebbe ascoltare

1) Julian Treasure

5 piccoli esercizi da eseguire ogni giorno per imparare ad ascoltare meglio gli altri.

2) Dave Isay

Ciascuno di noi ha una Storia significativa e il mondo ha bisogno di ascoltarla. Un progetto ambizioso che deriva dal bisogno tutto umano di raccontare storie, di ascoltarle, di sentirsi dire le giuste parole, di riunirsi per ascoltare una storia, sia davanti ad un focolare come attorno ad un microfono.

3) Evelyn Glennie

Come si ascolta veramente e non solo con le orecchie. Evelyn è completamente sorda dall’età di 12 anni ma la sua sordità non gli ha impedito di diventare una musicista e di vincere il Grummy come miglior percussionista.

Il suono è vibrazione e noi sentiamo suoni e rumori attraverso il vibrare del nostro piccolo timpano. Evelyn Glennie suona appunto percussioni e ci racconta che l’ascolto va oltre il nostro udito!

4) Ethan Zuckerman

Ascoltare significa soprattutto comprendere. Come già scrivevo nel post sulle geografie dell’ascolto “all’ascolto è profondamente legato il senso della comprensione”. Per comprendere si ha bisogno di utenti che parlino, raccontino e spieghino e, soprattutto, si ha bisogno di persone-ponte che aiutino a collegare chi conosce il territorio, che sa ascoltare e tradurre senza tradire il senso.

5) Ernesto Sirolli

Come insegna a creare progetti e iniziative di successo alle comunità che vogliono crescere. In questo Talk ci svela il suo segreto per raggiungere il successo nella realizzazione di un progetto. Un segreto disarmante: “Stai zitto! Stai zitto e ascolta!”

6) Stanley McChrystal

Il Generale Stanley McChrystal è il formatore delle truppe degli Stati Uniti d’America di istanza in Afganistan. Certamente militaresco ma dritto al punto. Le sconfitte e gli errori sono dietro l’angolo. L’ascolto e l’apprendimento dai propri errori è l’unico modo per andare avanti in un mondo sempre più complesso.

Se sei arrivato fin qui vuol dire che questo post ti è piaciuto.

Commentalo e condividilo!

A te, grazie dell’ascolto!