Categorie
Notizie sonore

Architettura dell’informazione sonora – Mixer #5

Mixer #5

Selezione settimanale di notizie sull’Architettura dell’informazione sonora, User Experience, Audio, Musica e Sonorità.

In primo piano

La notizia della settimana è che Amazon si sta interessando a creare un servizio di streaming per sfidare Spotify e Apple Music. E sempre sul lato audio, in questa operazione, sarà lanciato anche Echo con l’assistente vocale Alexa. Amazon si è conquistato così, sui giornali americani il titolo, di “Spotify’s Killer”. Katie Carrol editor di LinkedinPulse, però, non la pensa così. E mi trova d’accordo. Nella sua analisi sottolinea il fatto che il core business di aziende come Apple e Amazon non è lo streaming. Sebbene Apple Music ha conquistato 10 milioni di utenti in 6 mesi si tratta di poca cosa rispetto ai guadagni totali della Apple. Idem per Amazon. Certo Apple e Amazon, essendo ecosistemi chiusi, cercano di offrire un servizio completo ai propri utenti, ne hanno le capacità e i soldi, e lo fanno, ma hanno altri interessi, altri target di riferimento e conquistano altre quote di mercato. Insomma, c’è spazio per tutti. Apple ha allargato il mercato dello streaming, non ha rubato a Spotify. Lo stesso probabilmente farà Amazon vendendo musica, così come qualunque altro prodotto e non come servizio streaming.

Innovazione

  • Un gruppo di ragazzi di San Benedetto del Tronto ha inventato un nuovo protocollo per lo scambio di dati che avverrebbe attraverso le onde sonore. Una tecnologia che sfida Bluetooth e NFC. Michele Prioretti a SmartWeek afferma: “Sfruttare il suono per scambiare dati tra due o più dispositivi e, perché no, anche per effettuare pagamenti!” I pagamenti, infatti, sembrano la sfida di questa app che si chiama appunto: OneSecPay.
  • A Bolzano, presso l’università, esiste un centro all’avanguardia di Fonetica: il Laboratorio di Fonetica e Fonologia Alps – Alpine Laboratory of Phonetic Sciences. I due ricercatori del centro a dicembre 2015 hanno presentato il loro progetto Tutip (The Ultrasound Tongue Imaging Potential, ovvero il potenziale degli ultrasuoni per lo studio dei movimenti linguali) ad Hong Kong. In pratica analizzano le variazioni di pronuncia nei parlanti bilingui della provincia di Bolzano.

Intelligenza Artificiale

  • Il connubio tra auto e intelligenza artificiale è ormai un processo avviato. Mi sono già occupato di auto, parlavo di CarPlay e AutoAndroid: per completezza avevo accennato anche all’intelligenza artificiale. Nei prossimi 5 anni (questi i tempi di attuazione dichiarati ufficialmente da Toyota)  vedremo l’applicazione di questa tecnologia in moltissime auto. Prima fra tutte la Toyota, appunto, BMW e Samsung stanno seguendo. Le altre non penso che resteranno a guardare.

Streaming

Assistenza vocale

  • Il New York Time ha messo alla prova gli assistenti vocali più conosciuti al mondo: Siri, Cortana, Ok Google e Alexa ed Facebook M. Il risultato è stato scarso. Su una scala da 1 a 4 vince Ok Google con un 3.1 che supera Siri con 2.9. Le prove sono state fatte sulla base di macro aree come musica, produttività, viaggi, cene e intrattenimento vario. In questa prova non si tiene in considerazione la piacevolezza della parola.
  • E’ necessario che gli assistenti digitali trovino una lingua comune! Assolutamente d’accordo con Matt Hickey di Forber/Tech. Ma questo non arriverà dalle singole aziende (Google, Microsoft, Apple, etc.). Soltanto l’open source potrebbe sviluppare uno standard che metta d’accordo tutti, così come è avvenuto per internet. Realizzabile, certamente, ma quanto realistico?
  • Fabrizio Ferrara, che scrive l’articolo e ne da notizia, non crede che S-Voice, l’assistente vocale di Samsung, riuscirà mai ad ascoltare i nostri sussuri o a leggere le labbra. Intanto, l’azienda coreana ha depositato il brevetto e procede con accordi di collaborazione con Nuance, l’azienda sviluppatrice di Siri. Uomo di poca fede!
  • Nel trovare un nome c’è poca fantasia tra gli sviluppatori ma l’attenzione è massima. CORTANIUM è una nuova app che intende aiutare CORTANA in alcune funzioni dove l’applicazione Microsoft pecca: ossia nell’avvio e spegnimento della stessa app, per esempio. L’app è disponibile solo in India, Canada, Australia, Stati Uniti e Regno Unito. Su www.tuttowindows.net trovi il link per scaricarlo comunque. A proprio rischio e pericolo.
  • OneNote è una applicazione integrata con Siri, Cortana e Google Now. Comoda per prendere appunti attraverso la voce. Qui un tutorial in inglese.
  • Adobe Voice è una App per iPhone con il quale si possono creare immagini animate attraverso la voce e il parlato. Per tutti coloro che non hanno tempo e voglia di imparare ad usare programmi di animazione. Una recensione che fa proprio venire voglia di usare questa App.

Sound e Musica

 

Altre noti­zie e segna­la­zioni su Architettura dell’informazione sonora, audio e dintorni, le puoi trovare seguendomi sul mio Account Twit­ter Personale.

Oppure sulla Pagina Facebook dedicata al blog.

88x31

This work is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

SOSTIENI IL BLOG con una condivisione. Grazie!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *