Ogni parte conta per il suo scopo, ma tutti gli elementi devono lavorare insieme. Questo è Il significato che sta dietro agli elementi dell’architettura dell’informazione.

Il 22 febbraio 2020 è la giornata mondiale dell’architettura dell’informazione. Una giornata creata per celebrare l’architettura dell’informazione come disciplina e per dare visibilità ai professionisti locali che continuano a crescere e condividere le loro esperienze all’interno delle loro comunità.

Nel 2020, più di ogni altra cosa, si è voluto rafforzare questa celebrazione – evidenziando come l’architettura dell’informazione sia fondamentale per ottenere i migliori risultati.

Si pensa all’architettura dell’informazione come ad una disciplina che unisce e lega le diverse idee, gli utenti finali, le parti interessate, i progettisti e gli sviluppatori. L’architettura dell’informazione è spesso l’elemento che fa da ponte tra tutti e unisce attraverso la comprensione del contesto. L’architettura dell’informazione migliora la collaborazione per una comunità in crescita. Alimenta e favorisce la radical collaboration.

WIAD 2020 – L’elemento IA

Quest’anno si celebra il passato, il presente e il futuro. E si punta all’eccellenza nel design. nel pensiero e nell’usabilità.

Con lo scioglimento dell’Istituto di architettura dell’informazione (IAI) nel 2019, l’istituzione principale dietro WIAD, porteremo la torcia da ora in poi.

E sempre più forte è il bisogno di far conoscere questa importante pratica, per educare meglio se stesse e gli altri su di essa.

IA è fondamentale

Si vuole tornare alle basi, alla semplicità e alla rinascita più forti di prima. Le sorprese sono la regola: questa è la IA pratica, l’equilibrio tra idee rigide, flessibili e forti.

In questo anno di festa in ogni città sarà mostrato da dove veniamo, come l’architettura dell’informazione ha fatto la differenza nella nostra vita e il modo di accedere alla conoscenza. Mostreremo dove stiamo spingendo i confini di oggi e porteremo i riflettori sul futuro di questa disciplina sempre importante.

In ogni città saranno mostrati.

  • casi studio,
  • vetrine metodologie,
  • altri successi nel settore.

Come possiamo incanalare i nostri pensieri per concentrarci e concentrarci su ciò che è fondamentale per l’architettura dell’informazione?

Il numero di persone nuove che si affacciano alla disciplina sono in continuo aumento. Per qualcuno sono tanti, anche troppi. Ma saranno tutti esperti di UX? Magari!

L’architettura dell’informazione è essenziale. L’architettura dell’informazione è fondamentale.

Una mia riflessione a margine

Quest’anno sarebbe bello potersi confrontare sul perché questa disciplina non riesce a sfondare il muro dello scetticismo. Perché la comunità, che seppure in crescita, non registra numeri davvero interessanti.

Perché in tanti sono passati dalla comunità e poi sono andati via? Qual è il peccato originale?

Fare queste domande, però, forse, significa guastare la festa, significherebbe agitare gli animi e provocare ferite. Mentre il WIAD è un momento di incontro e di festa per i tanti professionisti che lavorano in provincia e per lo più in solitaria.

In attesa di un momento di confronto vero, godiamoci questa celebrazione.

WIAD 2020 Palermo

Io sarò presente al WIAD 2020 Palermo, presso il consorzio Arca.

9:00 Accoglienza e registrazione partecipanti

9:30 – 12:45 Conferenza in plenaria con interventi di: Pietro Spagnolo, Andrea Resmini (da remoto), Vacuamoenia, Mario Guarcello (Osservatorio Astronomico di Palermo)

14:30 – 18:00 Workshop

Workshop 1 – Design System |HypeBang Studio

Workshop 2 – Random element for territory ia | Formaliquida Studio

Acquista il tuo biglietto e incontriamoci!

WIAD ITALIA

Architecta celebra in Italia la giornata supportando l’organizzazione di 5 comunità locali: il #WIAD2020 si terrà a 

Andrea Resmini da Vicenza sarà in diretta streaming per tutte le location con “Marginalia. Termiti, dinosauri, e l’acqua calda”.

Su WIADitalia.it tutti gli aggiornamenti.

Pin It on Pinterest

Share This