Questa settimana mi occupo di Lelo Sona, un vibratore sonoro che mette al centro non solo le persone ma anche e soprattutto il loro piacere.

Per questo motivo ho contattato l’azienda che mi ha risposto e ha dedicato del tempo nel rispondere alle mie domande.

Premetto, che questo post non è sponsorizzato e non ho alcuna relazione con l’azienda Lelo. E come leggerete, l’interesse è solo incentrato sulla progettazione del prodotto, sulla capacità innovativa dell’azienda e sugli sviluppi che il suono ha nella quotidianità del nostro vivere.

Traduzione e domande a Lelo Sona

Le risposte sono arrivate in inglese e le ho pubblicate integralmente e in lingua originale, appunto, alla pagina Lelo Sona Interview. Non sono un traduttore per cui se ci sono dubbi è bene avere le risposte originali. E se ci fossero correzioni da fare, sarò lieto di migliorare quanto tradotto.

Di seguito, infatti, trovate la mia traduzione.

Le parole che trovate in grassetto, invece, sono mie personali sottolineatura, a parole e frasi che ritengo di rilievo per voi lettori.

Lelo Sona, il lancio

Il lancio di Lelo Sona è avvenuto il 10 ottobre 2017.  Il brand svedese di Sex Toy LELO ha svelato il nuovo oggetto di design che abbatte miti e credenze sul clitoride, uno degli organi più unici e incomprensibili del corpo umano.

Il lussuoso prodotto di piacere, chiamato LELO SONA utilizza le onde sonore e gli impulsi invece delle vibrazioni tradizionali per stimolare l’INTERO clitoride – oltre alla già nota parte esterna, raggiunge anche la struttura interna più larga. Ciò consente un’eccitazione diretta fino al 75% in più del clitoride rispetto a quella offerta da un vibratore “standard”.

La star e femminista internazionale Amber Rose, ha persino affermato che il prodotto è stato “clitoridealmente sconvolgente” ai suoi 16 milioni di fan, creando una domanda diffusa per SONA – unico nel suo genere.

Come funziona Lelo Sona, il video

Intervista a Lelo

Come è nato il progetto LELO SONA?

LELO ha costruito il suo patrimonio e la sua reputazione per il lusso esplorando, scoprendo e inventando sensazioni completamente nuove. Siamo i leader mondiali di prodotti per il piacere che impiegano vibrazioni convenzionali, ma circa 6 anni fa volevamo esaminare altri modi per creare una sensazione piacevole.
Dopo alcune sperimentazioni e ricerche, ci siamo chiesti se potessimo usare il suono per stimolare un utente. Ci siamo già dilettati con il nostro massaggiatore SIRI 2 (vedi le caratteristiche sul sito ufficiale ndr), che è reattivo al suono, ma volevamo fare il passo successivo e vedere se il suono stesso poteva essere imbrigliato.
Una delle sfide che affrontiamo a LELO è che ci sono solo un certo numero di modi in cui un prodotto può interagire con il corpo, a causa delle leggi naturali e biologiche. Tradizionalmente, è stato solo attraverso la vibrazione. Ora, però, abbiamo aperto una porta per un nuovo mondo di sensazioni.

Che tipo di ricerca vi ha portato all’uso di impulsi sonici?

Ci sono voluti anni di ricerca prima che venisse realizzato un prototipo. Alla fine, abbiamo usato il pad del subwoofer di un altoparlante come ispirazione. Ti sei mai fermato di fronte a un grande altoparlante e hai sentito il basso risuonare profondamente in tutto il corpo? Questa è la sensazione che volevamo creare e concentrarci sulle zone erogene.
Usando le onde sonore invece delle vibrazioni, le risonanze vengono trasmesse molto più profondamente nel corpo – forse sullo stesso principio di qualcosa come un ultrasuono o sonar – da qui il nome, SONA.

Quali bisogni delle donne sono emersi dalle ricerche / sondaggi (rispetto ad altri prodotti già creati da LELO)?

Sappiamo da molto tempo che il clitoride, contrariamente alla credenza popolare, è una struttura molto più ampia di quanto sembri. Lungi dall’essere un piccolo fascio di tessuti e piacevoli terminazioni nervose sulla superficie del corpo, è una costruzione lunga con due “gambe” che si estendono verso il basso internamente e attorno alla vagina, e quindi indietro, forse formando la parte anteriore del punto G. Questo è una parte del clitoride che non viene stimolato dalle vibrazioni convenzionali.

Questa è la sfida che SONA risolve e che lo rende unico. È l’unico prodotto di piacere che stimola l’intero clitoride, anziché solo la parte esterna. Questo è tutto grazie al nostro uso di onde soniche invece di un motore a vibrazione.

Quali sono i vantaggi delle onde soniche rispetto alle vibrazioni meccaniche?

Il piacere è soggettivo, e alcuni utenti potrebbero preferire vibrazioni meccanicamente solitarie alla profonda intensità delle onde sonore. Le vibrazioni meccaniche sono, dopo tutto, ciò che ha reso LELO il marchio di piacere leader a livello mondiale.

Ma SONA offre un’alternativa. Ci sono molti altri vantaggi: il motore necessario per creare le onde soniche è più efficiente di un motore a vibrazione, il che significa che la batteria può essere più piccola e durare più a lungo, ed è più silenziosa, ecc. Ecc.
Ma ciò che conta davvero è come ci si sente. Questo è il vero vantaggio: ora offre ai clienti una vera scelta rispetto alle sensazioni che portano al loro corpo.

Vi sono paure o sospetti riguardo a questo metodo innovativo?

No, non proprio. È completamente sicuro. In effetti, SONA è più delicato sul clitoride di un prodotto di piacere convenzionale perché trasmette le onde attraverso l’aria, piuttosto che attraverso il contatto diretto con il corpo. Ciò significa che l’utente può goderne più a lungo, più volte, senza bisogno di fare una pausa.

La gente sembra comprenderne il concetto molto facilmente, e se c’è una cosa che noi di LELO abbiamo imparato più e più volte, è che le persone AMANO nuove sensazioni e sono desiderose di provarlo da soli, alla ricerca di modi nuovi e interessanti per usarlo. L’altro nostro prodotto basato sul suono, SIRI, era famoso per essere utilizzato da un insegnante di canto americano per aiutare gli studenti a condizionare le loro voci, per esempio. (Lo terrebbero sulla loro gola e terrebbero un appunto, regolando le loro corde vocali con le vibrazioni che rispondono al suono).

Quali sono le domande più comuni a riguardo?

La domanda più comune è “come ci si sente?” E questo è difficile da dire, perché è impossibile descriverlo senza essere poetici. Tendo a descriverlo come “come un coro di angeli che canta in perfetta armonia cantando il tuo inno preferito direttamente nel tuo corpo”.

Ci viene anche chiesto esattamente come crea le sue sensazioni. Non possiamo rivelare la tecnica brevettata in dettaglio, quindi usiamo il confronto dei diffusori riverberanti che ho delineato in precedenza per aiutare le persone a immaginarlo.

LELO SONA è stato lanciato, cosa vi aspettate da questo prodotto in futuro?

SONA è stata incredibilmente popolare da quando l’abbiamo lanciata. In effetti è diventato il nostro bestseller di tutti i tempi durante la notte e continua ad essere il nostro prodotto più venduto.
Ma i nostri clienti maschi si sentivano esclusi e chiedevano che la stessa sensazione fosse resa disponibile per loro. Non sapevano che ci stavamo già lavorando, ed è attualmente disponibile come LELO F1. Prende la stessa teoria e tecnologia che crea le onde sonore di SONA e le traspone in una tazza, progettata per massaggiare il pene nello stesso modo in cui SONA stimola il clitoride.

Il vostro focus è sul mondo delle donne. Dal vostro punto di vista, il piacere femminile è ancora un tabù?

In realtà, il nostro obiettivo non è il mondo delle donne, ma il mondo del piacere indipendentemente dal genere. Vorremmo dire che non è il piacere femminile il tabù di per sé, ma il piacere nel suo insieme che è socialmente disapprovato. Questo è l’atteggiamento che LELO ha scelto di combattere.

Nella maggior parte del mondo, però, il piacere femminile è particolarmente sotto assedio. Quando le donne alzano la loro voce nelle richieste di parità di trattamento, il loro piacere personale diventa un campo di battaglia. Stiamo dando loro le armi di cui hanno bisogno per combattere.

Le cose sembrano che peggioreranno prima di migliorare, ma è un progresso di un certo tipo. L’uguaglianza sessuale, il piacere e i diritti riproduttivi sono discussi apertamente come mai prima d’ora, anche se questa discussione è occasionalmente macchiata da preconcetti e incomprensioni – o addirittura ostilità.

Finché sarà necessario combattere, LELO sarà proprio lì, in prima linea.

È possibile pensare a LELO come a una società che si trasformerà in piacere maschile in futuro?

Come ho detto, il nostro obiettivo è il piacere, non il genere. A tale proposito, offriamo già agli uomini un’enorme suite di prodotti per il piacere mozzafiato e lussuosi, dagli anelli vibranti ai masturbatori e persino ai massaggiatori della prostata.

L’obiettivo è quello di aiutare tutti a capire che è possibile trarre piacere dal piacere degli altri – tutti noi beneficiamo del piacere reciproco.

Dopo gli impulsi sonici, cosa dovremmo aspettarci per il futuro?

È un momento emozionante per LELO. Siamo ancora alla ricerca di creazioni e sensazioni completamente nuove ed esploriamo nuovi modi per soddisfare i nostri clienti.

Stiamo esplorando il mondo digitale, esaminando l’integrazione delle app e nuovi modi per connettere le coppie. In LELO, il cliente viene sempre al primo posto.

Conclusioni

Ritengo doveroso ringraziare l’azienda Lelo e il suo ufficio stampa europeo per il tempo e l’attenzione che hanno riservato al blog.

Ma soprattutto ringrazio l’azienda perché ha seguito il mio discorso che, non voleva essere tanto sul prodotto stesso, ma proprio sulla progettazione, su tutto il lavoro di ricerca che è stato fatto per arrivare a qualcosa di nuovo e innovativo. Grazie e complimenti!

Anche questa intervista dimostra che l’innovazione arriva dopo un lungo lavoro di sperimentazione e ricerca. LELO è davvero un grande esempio.

In generale, si tratta di una questione di mentalità. In altri campi, infatti, conosciamo grandi aziende che mungono mercati esauriti ed esausti ed ogni giorno si rifiutano di innovare.

La progettazione con le persone al centro

E poi c’è l’human center design, cioè la progettazione con al centro le persone, la progettazione che mette le persone a collaborare in maniera radicale.

Non vi dovete stupire se tra il dire “mettiamo le persone al centro” e il mettere, davvero, le persone al centro, esistono abissi di incomprensione inimmaginabili.

Certo, le persone e il piacere delle persone, per Lelo, sono davvero il loro centro di interesse. Ma ripensare un prodotto, cercare nuove soluzioni a “limiti” fisiologici insormontabili a me è sembrato un esempio straordinario, che valeva e vale la pena raccontare.

Battaglie sociali

E infine, le battaglie sociali dell’azienda. Le sue posizioni “politiche” sono alte e di grande impatto. La difesa dei diritti delle donne che è anche il diritto per il genere umano al piacere. Mi sembra qualcosa di straordinario per una azienda di vibratori. Non solo una questione di genere, ma una presa di posizione nelle battaglie di parità e di eguaglianza dei diritti.

Presentazione Lelo Sona

A questo punto pubblico volentieri la presentazione ufficiale e le comunicazioni che ci raccontano storia e curiosità su ciò che sta al di là delle labbra.

Per migliaia di anni, si supponeva che il clitoride consistesse solo nelle 8.000 terminazioni nervose sulla superficie corporea – presenti nella sua parte visibile. Ma questo assunto è stato contestato nel primo maggiore studio sul clitoride, nel 2005, concludendo, scientificamente e in modo accademico, che: “Le descrizioni dei tradizionali libri di testo sul clitoride mancano di dettagli e apportano imprecisioni” e per la prima volta in assoluto si iniziò a dettagliare l’intricata struttura dell’intero organo. La verità venne finalmente a galla.

Secondo LELO, brand pionieristico nel settore dell’autoerotismo, il fatto che solo recentemente, dal 2005, si sia iniziato a comprendere questo organo unico, la dice lunga sugli atteggiamenti verso il piacere femminile.

INVIDIA DEL PENE?

Stuart Nugent, Brand Communications Manager di LELO, afferma: “È assurdo che oggi conosciamo il suolo lunare e possiamo stimare con certezza le dimensioni di pianeti lontani anni luce dal nostro, ma stiamo iniziando solo adesso a capire la struttura del clitoride.

Conosciamo l’anatomia del pene fin dal Medioevo. Ora che ne sappiamo altrettanto sul clitoride, è tempo di concedergli l’amore e la devozione che merita.”

PERCHÉ É COSĺ IMPORTANTE?

È comunemente risaputo che la maggior parte delle donne – secondo gli ultimi studi più di ¾ – richiede una stimolazione clitoridea prima di raggiungere l’orgasmo. Risulta, quindi, importante capire bene come stimolarlo adeguatamente.

Ma soprattutto, il piacere femminile ha continuamente subìto pregiudizi di genere, tema su cui LELO si è sempre battuto contro, fin dall’inizio nel 2003.

COME FUNZIONA SONA?

SONA si discosta dai classici motori vibranti, prediligendo una tecnologia ad impulsi. Grazie ad una sorta di cuscinetto sonico all’interno del collo di SONA, si creano delle onde che si propagano fino al clitoride e vengono trasmesse attraverso l’intera struttura del membro, per una sensazione che pare quasi provenga dall’interno – al contrario di un vibratore classico, che trasmette le vibrazioni solo ed esclusivamente dall’esterno.  

DETTAGLI E PLUS: “CRUISE CONTROL”

Completamente impermeabile e ricaricabile via USB, con 8 modalità di stimolazione, i tecnici LELO sono andati oltre, integrando la tecnologia Cruise Control nella parte finale di SONA.

Mentre molti vibratori perdono potenza se premuti con forza a contatto con il corpo, il motore interno di SONA risponde alla pressione compensandola: ciò assicura una continua e lineare stimolazione. Non si tratta di una regolazione particolare, ma di un plus completamente automatico che garantisce il 100% di soddisfazione, evitando spiacevoli perdite di stabilità.

PER MASSA…GGIO CLITORIDEO

Stuart Nugent prosegue: “Comprendere il piacere femminile è fondamentale. Pone le basi per una propria realizzazione a livello individuale, che a sua volta può contribuire a migliorare profondamente le disuguaglianze di genere. Il nostro massaggiatore sonico SONA non è solo un sex toy – è il simbolo di un cambiamento culturale e sociale.

È un panorama difficile per il sesso in questo momento, ma al contempo eccitante. Stiamo lanciando il prodotto a uno speciale prezzo di lancio con l’obiettivo di diventare il catalizzatore di massa per l’apprezzamento del clitoride. Vogliamo che le persone possano avere una comprensione maggiore sulle profondità del clitoride. SONA aiuta a sbloccare quel potenziale.”

5 IMPRESSIONANTI FATTI SUL CLITORIDE

  • Gli scienziati continuano giorno dopo giorno a scoprire i segreti racchiusi nel clitoride: molti, infatti, stanno iniziando a credere che lo stesso punto G sia una parte dell’intera struttura clitoridea.
  • 3 donne su 4 sono incapaci di avere un orgasmo senza una stimolazione clitoridea, a causa di alcuni fattori come la forma e la grandezza del pene o la durata del coito.
  • Il clitoride è l’unico organo il cui unico scopo in natura sia provare piacere.
  • Il clitoride in natura è raro: solo pochissimi animali come le iene e gli struzzi si sono evoluti con quest’organo, suggerendo diverse tipologie di evoluzione.
  • L’origine del termine “clitoride” è ampiamente sconosciuto, ma se ne possono trovare tracce nell’antica etimologia Proto-Indo-Europea “kleitor”, che indica “scalare”, con il senso quindi di piccolo avvallamento.

Pin It on Pinterest

Share This