Conoscete la serie Netflix Sense8? Ne avete sentito parlare? Ve la siete già vista e ripassata?

Più che una vera e propria recensione questa vuole essere una breve analisi sonora per sottolineare alcune caratteristiche delle serie tv.

Anatomia di Netflix

Gli studenti del Master in architettura dell’informazione edizione 2017/2018 si sono interessati all’architettura dell’informazione di Netflix.

Sono andati ad analizzare, come dicono loro, cosa c’è sotto il cofano della famosa piattaforma di intrattenimento.

Netflix sotto il cofano. Architettura dell’informazione e user experience.

Se siete fruitori di Netflix vi consiglio vivamente la lettura per capire e comprendere il funzionamento delle scelte che facciamo.

Sense 8 recensione

Ho iniziato a vedere questo telefilm perché alcuni miei colleghi hanno iniziato a parlarne come una serie capolavoro o comunque interessante e da vedere. Così sulla fiducia ho iniziato a vederla.

Devo dire che all’inizio mi è apparsa leggermente confusa. I personaggi sono molto complessi e metterli insieme non è affatto facile.

Per questo motivo penso che bisogna insistere ed arrivare almeno alla metà della prima stagione per iniziare a godere della storia nella sua interezza.

Analisi sonora

A tenere insieme le varie storie che si articolano nel tempo e nello spazio, è la musica. La colonna sonora ci permette di comprendere l’esatto punto di vista in cui si sta svolgendo la scena. Senza la musica non capiremmo chi parla, chi fa cosa.

I personaggi della serie sono 8, detti sensitivi, e si connettono trovandosi in paesi e nazioni lontanissime tra di loro. All’inizio è proprio questo che non si capisce e l’unico filo conduttore che lo spettatore riconosce fin da subito è la musica.

A ciascun personaggio è legato una particolare musica. E in questo modo riusciamo a capire da quale punto di vista del personaggio ci troviamo, quale personaggio si è connesso all’altro personaggio.

La musica, la colonna sonora di sottofondo, tiene la scena.

Senza la musica non ci sarebbe unità di scena e il montaggio risulterebbe confuso.

Cosa è umano?

Sense8 si è dimostrato una serie innovativa e affascinante con personaggi in continua evoluzione. La colonna sonora, che è una carrellata di successi musicali globali ci stupisce ad ogni puntata.

Danno ritmo alla scena e descrivono alla perfezione i sentimenti dei personaggi e di conseguenza di noi spettatori che ci immedesiamiamo in ciascun eroe.

KETTERING – THE ANTLERS

WHAT’S UP – 4 NON BLONDERS

WORLD SPINS MADLY ON – THE WEEPIES

DEMONS – FAT BOY SLIM

MAD WORLD – MARIUS FURCHE

KNOCKING ON HEAVENS DOOR – ANTONY AND THE JOHNSONS

KEEP IT CLOSE – SEVEN LIONS

SAEGLÒPUR – SIGUR ROS

8 canzoni per 8 momenti degli 8 personaggi

La colonna sonora di Sense8 è il nono personaggio perché ci coinvolge ed è imprescindibile dalle immagini.

Lo spettatore è coinvolto in tutti i sensi. E in questo viene coinvolto nelle emozioni dirette dei personaggi. Ciascuno si connette attraverso la musica. Così come i personaggi si connettono tra di loro, allo stesso modo gli spettatori si connetto al personaggio di cui si racconta la storia in quel momento.

Di seguito trovate alcune scene da vedere e da ascoltare. Purtroppo molti scene sono state rimosse da Youtube. Dunque, se non lo avete ancora visto, vi tocca andare a vedere la serie!

sense8

Hope There’s Someone

Piano Concerto No. 5 in E-Flat Major, Op. 73 – “Emperor”: I. Allegro realizzata da Alfred Brendel, Bernard Haitink e L’Oschestra Filarmonica di Londra

Mad World : Piano di Marius Furche

What’s Up – 4 Non Blondes

Demons – Fatboy Slim (feat. Macy Gray)

Feeling Good – Avicii

Hallelujah 

Oltre Sense8 le altre serie TV

Oggi le serie TV hanno raggiunto livelli qualitativi molto alti. Si tratta più di lungometraggi e della serie hanno solo il montaggio che ti lascia in sospeso ogni 5 minuti. Per il resto, le scene così come le colonne sonore sono curatissime.

Se da oggi ci farete caso, la colonna sonora, i suoni, determinano l’inizio e la fine della puntata come, per esempio, in Peaky Blinders. Oppure come in Russian Dolls.

Insomma, fa parte della scena e ne è elemento costitutivo.

La colonna sonora dunque è sempre più la musica che si vede.

Pin It on Pinterest

Share This