Le interfacce conversazionali sono quel mezzo di interazione, tramite dispositivi di input e output, che consente di eseguire comandi vocali, o immettere dati, mediante programmi di riconoscimento vocale. Se ne parla da anni. Più di recente, e soprattutto durante la fine del 2015 e il 2016, si è potuto notare un maggiore interesse verso questo tema.

Il blog tra presente e futuro

Chi segue il blog, ormai, ha familiarizzato con il concetto di interfaccia e assistenza vocale. Me ne sono già occupato:

Chi si occupa di innovazione tecnologica si pone, sempre più spesso, la stessa domanda. In futuro, come parleremo alla nostra tecnologia?

Sviluppo delle interfacce conversazionali

Chi osserva il fenomeno converge su un fatto.

Lo sviluppo di nuove interfacce, tra le quali le interfacce vocali, è in evoluzione ed è oggetto di grandi investimenti da parte dei produttori tecnologici. Obiettivo di tutti è essere protagonisti della prossima rivoluzione delle interfacce: una rivoluzione che trasformerà l’interazione uomo-macchina da grafico/tattile a sonora/vocale e quindi modificherà le esperienze digitali (ma forse non solo digitali) di tutti gli utenti. La rivoluzione, anche se lenta e con evoluzioni al momento auspicabili, sarà profonda perché eliminerà il bisogno di usare e apprendere linguaggi e sistemi di comunicazione diversi dal nostro parlato o dalla nostra lingua.

Interfacce conversazionali per aziende

L’interesse non riguarda solo gli utenti (consumer). Le aziende, che utilizzano applicazioni e interfacce, guardano con interesse ai sistemi di produzioni collaborativi. A tal proposito raccolgo e ripropongo l’opinione di Jesus Rodriguez. Rodriguez è Managing Partner di Tellago e consulente per aziende come Microsoft e Oracle. Rodriguez è molto ottimista e allarga il discorso sull’utilità delle interfacce conversazionali per le aziende. Conferma inoltre l’interesse che si mostra verso questa rinnovata tecnologia.

Diciamo rinnovata. Le interfacce conversazionali, vocali, di messaggistica, invisibili, infatti, non sono nate ieri. Sono anni che se ne parla e che i ricercatori fanno sperimentazione. Oggi un assistente vocale come Cortana, Siri, Alexa e altri, non sarà perfetto, ma ciascuno è utilizzato da milioni di utenti. Ciascun assistente vocale aiuta a fare tante cose; in modo sempre più veloce e sempre più preciso.

Perché adesso?

Le speranze e le aspettative sono cresciute. Proprio adesso. Perché, rispetto a poco tempo fa, fondamentalmente sono cambiate due cose.

  • La prima è la quantità di dati di cui disponiamo (e la possibilità di elaborare e analizzare questi dati).
  • La seconda è la possibilità di avere questi dati anche sul nostro dispositivo mobile. Dispositivo che è connesso ad una rete, 24 ore su 24 e con applicazioni alla portata di tutti.

Jesus Rodriguez sostiene che, sebbene le interfacce di conversazione non siano ancora adottate in azienda in maniera significativa, questa tendenza, almeno dal suo osservatorio, sta per cambiare.

Le capacità e il rapido progresso delle interfacce di conversazione sono destinate a diventare uno dei mattoni fondamentali della prossima generazione di applicazioni aziendali.

Le caratteristiche fondamentali delle interfacce di conversazione in azienda saranno basati sulla fornitura di meccanismi, senza soluzione di continuità, per interagire con i sistemi aziendali e utilizzare i comandi vocali. In azienda le interfacce di conversazione possono essere viste come un’estensione dell’user experience fornita dalle applicazioni mobili. Questa semplice estensione apre le porte a nuovi scenari che erano incredibilmente difficili, o semplicemente impossibili, da risolvere senza modelli di conversazione.

Interazioni conversazionali

Le interfacce conversazionali stanno diventando un altro elemento della user experience in applicazioni mobili.  Un elemento dominante l’esperienza degli utenti che fanno uso dell’Internet delle cose, in casa come in azienda.

Uno dei grandi vantaggi dell’interazione vocale in azienda è l’esperienza di conversazione.

Mentre le interazioni degli utenti di applicazioni mobili sono costretti a ciò che è previsto sui diversi schermi, le interfacce di conversazione offrono un modello, a tempo indeterminato, per interagire con i sistemi aziendali ponendo domande o dettando azioni tramite comandi vocali. La natura conversazionale delle interfacce vocali offre agli utenti aziendali un modello di interazione senza essere vincolati da una interfaccia utente specifica.

Interazioni multi-utente

Le applicazioni mobili aziendali sono progettati per le singole interazioni con l’utente.

Le interfacce di conversazione rompono questo confine, permettendo a diversi utenti di interagire con una sola applicazione al fine di realizzare un compito specifico. Questa capacità consente livelli di collaborazione in azienda e nell’Internet delle cose che erano impossibili prima.

Le interfacce di conversazione consentiranno la realizzazione di aziende moderne e la possibilità di interagire con l’internet delle cose attraverso app a comandi vocali. Questi modelli creeranno un canale diretto tra gli utenti business e la linea dei sistemi aziendali senza i vincoli di una specifica interfaccia utente. Proprio come i servizi web o API, le interfacce di conversazione sono destinate a diventare un nuovo modello di integrazione per sistemi aziendali.

Internazionalizzazione e complessità tecnologica

Internazionalizzazione e soluzioni per l’internet delle cose richiedono uno sforzo tecnologico non indifferente. Fattori come il supporto perle diverse lingue o le differenze culturali nella user experience rendono difficile lo sviluppo delle applicazioni mobili. Ma nessuno si arrende.

Le interfacce conversazionali offrono un semplice modello di internazionalizzazione. La maggior parte delle interfacce cognitive supportano efficacemente lingue diverse e modelli di conversazione.

Negli ultimi anni, il campo delle interfacce conversazionali è diventato uno dei campi più concorrenziali e innovativi del settore mobile. Di conseguenza, l’industria ha prodotto molte piattaforme tecnologiche. Queste piattaforme sfruttano il cognitive computing per fornire interfacce di conversazione sempre più sofisticate.

Interfacce conversazionali

Mentre alcune piattaforme hanno il potenziale per guidare l’adozione di interfacce conversazionali in azienda, il mercato sta vedendo molta innovazione nelle nuove start-up e nei fornitori di telecomunicazioni.

Questo livello di concorrenza potrebbe rendere le interfacce conversazionali una delle funzionalità più importanti della prossima generazione di app mobile e dell’Internet delle cose, in azienda.

Tanti sono ancora gli scettici su queste tecnologie. Ma è innegabile che la tecnologia mobile stia modificando la nostra società. Alcuni paradgmi si stanno rovesciando. Avere gli strumenti per analizzare e osservare questi nuovi fenomeni lo ritengo essenziale.

Pin It on Pinterest

Share This